Un ufficio più green in 6 mosse!

Un ufficio più green in 6 mosse!

Quando l’ufficio è amico dell’ambiente

Anche l’ufficio può facilmente essere trasformato in un luogo più ecologico, dedito al riciclo e rispettoso verso l’ambiente. Per farlo non sono necessari stravolgimenti di grande entità o grandi spese a livello economico. Basta semplicemente adottare nel quotidiano qualche piccolo ma fondamentale accorgimento. Ecco allora sei semplici trucchi per trasformare il vostro ufficio in uno spazio eco-friendly!

1. Parola d’ordine: riciclo

Il riciclo, ovviamente, è alla base di un ambiente più ecologico e rispettoso dell’ambiente. In ufficio si fa largo consumo di carta ed è proprio da questo che dovrete partire: dal riciclo di carta, cartone e di tutti i materiali che possono essere in qualche modo riutilizzati o recuperati.

Mettete da qualche parte alcuni scatoloni vuoti e utilizzateli per raccogliere materiali in eccesso e tutto ciò che intendete recuperare e riciclare: vi stupirete della quantità di cose che riuscirete ad accumulare. Carta, plastica, vecchie lampadine, CD, vecchie attrezzature informatiche sono tutti oggetti che possono essere riciclati facilmente.

2. Cestinate il meno possibile

La cancelleria è tra le voci di spesa più care in ufficio ed è vero che molte volte si tende a sprecare gettando penne, matite e oggetti che in realtà non sono né rotti e né mal funzionanti, solo perché se ne acquistano in continuazione di nuove.

Beh, cercate di limitarvi e se proprio volete sostituire materiali ancora utilizzabili con qualcosa di più nuovo, non gettate nulla: accumulate i vecchi oggetti e i materiali che non usate più e donateli a scuole o enti di beneficenza.

3. Limitate l’utilizzo della stampante

Stampare consuma carta e inquinanti inchiostri di stampa, e se volete un ufficio più sostenibile, dovete imparare a stampare il meno possibile e comunque solo quando è strettamente necessario. In più, cercate di utilizzare carta riciclata, soprattutto se dovete stampare documenti interni all’ufficio, per abbattere ulteriormente i costi e limitare i danni all’ambiente.

4. Controllo dei consumi

Anche l’ufficio, così come le unità abitative, consuma elettricità, acqua ed energia. I consumi, ovviamente, vanno limitati per ridurre gli sprechi e questo vale per le luci, che devono essere accese solo quando è necessario, per i computer, per le stampanti e per la macchina delle fotocopie: quando non servono, abituatevi a non lasciarli in funzione.

5. Profumatori naturali per l’ambiente

Invece di deodoranti e profumatori pieni di sostanze chimiche, è meglio optare per qualcosa di più naturale, come ad esempio un’essenza artigianale che potrete realizzare voi stessi realizzata con frutta, fiori secchi e olii essenziali.

6. Arredamento più sostenibile

Anche nella scelta di mobili, complementi e piccoli arredi per l’ufficio si può andare verso una soluzione sostenibile. Basta optare per soluzioni e forniture prodotti da aziende che abbiano un occhio di riguardo per l’ambiente e che si impegnino a utilizzare materiali riciclabili e controllati.

 

.

You might also like

Ambiente

Romania ecologica con il ponte realizzato attraverso il riciclo

Sappiamo bene come, attraverso il riciclo, sia possibile creare fantastici oggetti di grande utilità, ma non è tutto qui! E a dimostrarcelo è un’opera di grande valore ingegneristico ed ecologico: un ponte costruito interamente utilizzando rifiuti e, in particolare, bottiglie di plastica.

Ambiente

La più frequente causa di morte negli animali? L’uomo.

Che l’uomo sia un animale dannoso per il pianeta, non c’è dubbio, ma forse non tutti sanno che siamo responsabili anche dell’estinzione diretta, a volte anche per futili motivi, di tantissime specie animali. Ecco la triste classifica.

SLIDEBAR

Inquinamento dell’aria: città italiane fuorilegge

Il bilancio dell’anno appena terminato in fatto di qualità dell’aria che si respira nelle maggiori città italiane è tutt’altro che positivo; stiamo parlando di un vero e proprio codice rosso: i livelli di Pm10 sono alle stelle e le conseguenze per la salute sono, purtroppo, davvero allarmanti.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply