Un metodo più naturale per pulire i gioielli in argento

Un metodo più naturale per pulire i gioielli in argento

Pulire l’argento con pentole, fogli d’alluminio e bicarbonato

I gioielli in argento son quelli che hanno maggiormente la tendenza ad annerirsi e ad assorbire agenti atmosferici e sostanze direttamente dall’aria. E spesso si pensa che l’unica soluzione per pulire i gioielli d’argento, riportandoli agli antichi fasti, sia quella di acquistare i vari prodotti di pulizia chimici reperibili in commercio. E invece, non tutti sanno che basta molto meno per pulire l’argento con un metodo naturale e con un’operazione praticamente a costo zero, sia per il portafoglio che a livello di impatto ambientale.

Tutto quello che serve per preparare un detergente ecologico per pulire l’argento solitamente si trova già all’interno di ogni casa:

  • Una pentola bassa e larga;
  • Un comune foglio di alluminio;
  • Del bicarbonato di sodio;
  • E ovviamente, i vostri gioielli da pulire.

Prima di procedere è consigliabile spolverare anelli e collane con un panno asciutto e poi con una miscela, non troppo concentrata, di acqua e sapone, per assicurarvi di avere rimosso prima di tutto eventuale polvere o sporco residuo.

Successivamente entrano in gioco la pentola, il foglio di alluminio e il bicarbonato. Basta sistemare il foglio di bicarbonato sulla pentola in modo che formi una sorta di conca. La conca andrà riempita con poca acqua, che a contatto con il calore generato dal fornello attraverso la pentola si scalderà. A questo punto dovete solo sciogliere un po’ di bicarbonato nell’acqua, e, stando bene attenti a non rovesciare tutto, immergere nella soluzione i gioielli che intendete pulire.

Quando l’acqua inizia a bollire, il fornello va spento, mentre i gioielli dovranno restare in ammollo per qualche minuto. Una volta estratti dalla soluzione vanno rigorosamente puliti con un panno pulito, possibilmente in cotone, che, se avete eseguito tutti i passaggi correttamente, diventerà nero nella parte con la quale avete strofinato i gioielli.

La reazione chimica che provoca questo processo è molto semplice. Ecco cosa succede quando l’argento entra in contatto, prima con gli agenti atmosferici e poi con il bicarbonato e con il foglio di alluminio in fase di pulizia: lo zolfo si deposita normalmente su tutte le superficie in argento, causando l’annerimento che a sua volta provoca un effetto estetico poco gradevole alla vista.

Immergendo l’argento in acqua con il bicarbonato, e in presenza del foglio d’alluminio (che svolge un compito essenziale), si innesca un’ulteriore reazione chimica: lo zolfo, in presenza del bicarbonato di sodio e chimicamente attratto dall’alluminio, si trasferisce dai gioielli al foglio, depositandosi sul fondo. Il panno pulito vi servirà infine per eliminare i residui, lasciando i vostri gioielli in argento belli, puliti e brillanti. Come nuovi!

You might also like

Lifestyle

5 alimenti che contrastano il senso di stanchezza tipico della primavera

Anche se la primavera è la stagione della rinascita e del risveglio della natura, molto spesso è proprio in questo periodo che ci si sente stanchi e fisicamente deboli; in questi casi è importante essere certi di fornire al nostro organismo tutti i principi nutritivi di cui ha bisogno per combattere questo stato di affaticamento. Scopriamo 5 alimenti che rappresentano un vero e proprio toccasana per il nostro corpo e grazie ai quali possiamo ricaricare le batterie e goderci al meglio questo meraviglioso periodo dell’anno.

Lifestyle

Fornelletto da campeggio che cucina e ricarica il telefono

Fornelletto da campeggio munito di cavo che attraverso l’energia del calore, prodotto durante la cottura dei cibi, ricarica lo smartphone. Basta solo azionarlo e attendere che, proprio mentre preparate la cena, il calore generi l’energia necessaria per mettere a ricaricare il vostro telefono, senza utilizzare la tradizionale presa di corrente.

Lifestyle

Telefono cellulare che funziona col vento

Un innovativo e originale telefono che funziona con l’energia del vento, per averlo sempre carico ovunque ci si trovi, ad esempio posizionandolo fuori dal finestrino di un’auto in corsa o, nei casi di necessità più estrema, soffiandoci sopra, utilizzando quindi solo energie rinnovabili, per un approccio alla tecnologia con un impatto ambientale ridotto e tanta originalità in più.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply