Turismo sostenibile: le proposte di Ecobnb

Turismo sostenibile: le proposte di Ecobnb

Grazie alle sempre più numerose proposte in ambito turistico è oggi possibile andare in vacanza, per lunghi periodi piuttosto che per un breve weekend, anche in maniera sostenibile, nonché decisamente originale e divertente.

Ecobnb è una piattaforma dedicata al turismo eco-sostenibile, nata dall’idea di quattro giovani emiliano romagnoli (Silvia Ombellini, Simone Riccardi, Emanuele Benigni e Carla Soffritti) che si sono resi conto della necessità di formulare una proposta turistica green, studiata ad hoc per coloro che vogliono vivere nel rispetto dell’ambiente anche quando vanno in vacanza.

Tra le numerose proposte della community interamente dedicata al turismo sostenibile, troviamo l’igloo tra i ghiacci, la casa sull’albero e la fattoria, ma anche agriturismi bio, campeggi e antichi borghi medievali trasformati in fantastici resort dotati di ogni comfort.

Ciò che accomuna tutte le proposte è, ovviamente, il rispetto per l’ambiente, e Ecobnb rappresenta la migliore alternativa possibile per tutti coloro che cercano una vacanza capace di offrire relax e divertimento e, al contempo, un soggiorno realmente ecofriendly.

Come racconta Silvia Ombellini: “L’idea è venuta a Simone qualche anno fa; voleva fare un viaggio e ha provato a cercare in rete un soggiorno eco-sostenibile, ma senza riuscirci. Pur con tutte le offerte che si possono trovare su internet oggi, infatti, ci siamo resi conto che individuare una struttura di questo tipo, con certe caratteristiche, non è facile. Così abbiamo deciso di creare una piattaforma nostra, un punto di incontro tra i turisti, italiani e stranieri, e tutte quelle realtà rispettose dell’ambiente. Spesso, del resto, si tratta di piccole aziende, strutture locali che magari non hanno la forza o le risorse per farsi davvero pubblicità, anche se i servizi che offrono sono di alta qualità”.

Per potersi iscrivere alla community e soggiornare nelle sue strutture è necessario rispettare una regola: aderire ad almeno 5 requisiti ambientali su 10.

I requisiti ambientali, riconosciuti a livello internazionale da coloro che si occupano del cosiddetto eco-turismo sono: cibo biologico, bioarchitettura, elettricità da fonti rinnovabili al 100%, raccolta differenziata superiore all’80%, pannelli solari per l’acqua calda, accessibilità senza auto, kjprodotti per la pulizia ecologica, riduttori di flusso per il risparmio di acqua, riutilizzo delle acque piovane e lampadine a basso consumo.

La piattaforma, il cui nome iniziale era Viaggi Verdi, è diventata realtà grazie ad un bando, denominato Spinner e avviato della Regione Emilia Romagna, ed ha poi cambiato nome poiché gli ideatori volevano ampliare l’offerta anche all’estero.

Il gruppo ha poi vinto il bando “Trentino sviluppo” nel 2014, e da qui è stata ufficialmente creata l’azienda Ecobnb.

Come raccontano gli ideatori: “Ad oggi abbiamo mille realtà in tutta Italia inserite nel nostro portale, quindi offriamo davvero molte soluzioni per una vacanza eco-friendly, ma ci stiamo espandendo, molte aziende ci contattano ogni giorno per entrare a far parte di Ecobnb, l’idea piace”.

Tra le soluzioni più gettonate troviamo, ad esempio, il borgo medievale fantasma (Parma), l’antico monastero (Parrano, provincia di Terni), il bed and breakfast sito in mezzo al bosco di Carrega, l’igloo sulle Dolomiti e una tenuta canonica che permette il soggiorno in un’antica torre di avvistamento (Umbria).

Ma anche l’affascinante casa di paglia, costruita sulle pendici dell’Etna (Sicilia), e la country house di Manziana (Rimini) completamente circondata da ulivi, querce e giardini di erbe aromatiche.

Inoltre, molte strutture offrono, oltre al pernottamento, corsi gratuiti di yoga, di artigianato e di cioccolateria; grazie a questi servizi aggiuntivi è possibile imparare qualcosa di nuovo e riscoprire i saperi delle tradizioni più antiche.

Si tratta, quindi, di un nuovo modo di viaggiare, originale e pensato per rispondere ad un trend in continua crescita, ovvero quello delle vacanze eco-sostenibili.

You might also like

News

Nespresso: disastro ecologico in capsula

Uno dei prodotti più pubblicizzati ad avere conquistato il mercato globale in pochissimo tempo, oggi conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo, sembra essere anche il “colpevole” di un disastro ambientale; stiamo parlando della Nespresso, o meglio delle sue comode, colorate ed invianti cialde, con cui ogni giorno vengono preparati decine di milioni di caffè.

News

Giardinaggio spaziale: fiori e lattuga crescono in orbita

Mentre l’ambiente terrestre rischia di danneggiarsi irreparabilmente a causa del sovra sfruttamento dell’uomo e delle sue pessime abitudini di vita, alcuni ricercatori hanno sviluppato un metodo per coltivare piante ornamentali ed ortaggi nello spazio; stiamo parlando del primo esperimento di quello che può essere definito “giardinaggio spaziale”, scopriamo di cosa si tratta.

SLIDEBAR

I danni del surriscaldamento globale: la Grande barriera corallina sta morendo

La barriera corallina australiana, conosciuta come la Grande barriera corallina (Great Barrier Reef), una delle meraviglie del nostro Pianeta sta lentamente morendo, e con lei i miliardi di organismi acquatici che vi abitano. La colpa di questa terribile situazione è, ancora una volta, imputabile al surriscaldamento globale e agli effetti che questo processo ha sulla temperatura delle acque del mare.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply