Suggerimenti, riflessioni e spunti per viaggiare in modo più ecologico

Suggerimenti, riflessioni e spunti per viaggiare in modo più ecologico

Spesso la vacanza è il momento dell’anno in cui tutti i nostri buoni propositi a livello di ecologia e di sostenibilità ambientale fanno un bel volo fuori dalla finestra, e dopo un anno passato sui mezzi pubblici o in bicicletta per ridurre l’inquinamento ci ritroviamo magari seduti in aereo a inquinare come non mai, o alloggiati in strutture con un impatto ambientale mostruoso.

Ecco quindi come correre ai ripari e come viaggiare in modo più consapevole, o per lo meno come viaggiare conoscendo esattamente quanto è grande l’impatto della nostra vacanza sul pianeta.

Mezzi di trasporto

Se si compara l’efficienza energetica dei diversi mezzi di trasporto attualmente a disposizione dei nostri spostamenti, ecco cosa emerge:

  • Un treno consuma 2,978 BTU per passeggero, per miglio percorso;
  • Un’automobile consuma in media 3,496 BTU per passeggero, per miglio (consumo calcolato su una media di 1.6 passeggeri per auto)
  • Un aeroplano commerciale consuma in media 3,959 BTU per passeggero, per miglio.

Se poi al consumo energetico si aggiungono altri elementi di rilevanza ambientale come le emissioni e gli scarichi, l’inquinamento di acqua e aria e l’impatto delle infrastrutture sulla terra e sull’habitat, ecco che questi dati si trasformano in vere e proprie raccomandazioni di viaggio:

  • Preferite il treno – Un treno consuma fino al 70% in meno di energia e produce fino all’85% di inquinamento atmosferico in meno rispetto a qualsiasi altro mezzo di trasporto. Anche nel caso di treni alimentati a diesel (e in giro purtroppo ce ne sono ancora molti), risulta comunque essere un mezzo altamente efficiente visto che le ruote del treno corrono sulle rotaie, riducendo l’attrito e incrementando l’efficienza. A livello di comodità di viaggio, poi, il treno permette di leggere, lavorare, dormire, passeggiare e mangiare in tutta sicurezza, godendo anche di spettacolari panorami.

  • Se volete fare davvero una vacanza ecologica cercate di evitare il più possibile l’aereo: un volo transatlantico per una famiglia di quattro persone, infatti, produce più CO2 di quella generata dalla stessa famiglia, a casa, in un intero anno, e produce anche praticamente il doppio delle emissioni di un’auto che viaggia per 25.000 km. I voli a corto raggio, poi, sono i peggiori a livello di efficienza e di inquinamento, in quanto il decollo e l’atterraggio richiedono un consumo superiore, quindi se proprio si deve volare e si vuole rimanere il più possibile ecologici, è meglio preferire voli lunghi e possibilmente non-stop. Gli aereoplani, per di più, producono grandi quantitativi di sostanze inquinanti ad alta quota, in particolar modo ossidi di nitrogeno, che possono addirittura arrivare a triplicare l’impatto ambientale a livello climatico. Volare è quindi il modo di spostarsi meno ecologico.

  • Se dovete noleggiare l’automobile, non tenete conto solo dell’efficienza del consumo a livello economico, ma valutate l’acquisto, dove e quando possibile, di un’auto ibrida: probabilmente il noleggio sarà un po’ più caro ma l’ambiente non potrà che ringraziarvi per la vostra scelta.
  • Aderite a uno dei numerosi programmi esistenti di riduzione dell’impatto ecologico, e scegliete per i vostri soggiorni strutture e hotel che siano in qualche modo affiliati con uno di questi programmi, che garantiscono che la struttura è costruita con materiali rinnovabili, che vanta una condotta etica dal punto di vista ambientale o anche solo che si impegna a compensare con attività ambientali il danno prodotto dalla sua operatività.
  • Una volta che siete in hotel, tenete presente che il lavaggio di lenzuola e di asciugamani comporta uno spreco energetico considerevole, quindi chiedete che le lenzuola vengano cambiate meno spesso e cercate di “risparmiare” lavaggi sugli asciugamani, esattamente come fate (se siete abbastanza ecologici) a casa vostra.

Cercate di preferire tour ed escursioni che limitino l’uso di mezzi a motore e che favoriscano gli spostamenti ecologici, ad esempio in bicicletta o a piedi: il movimento lento offerto da questi mezzi di trasporto vi permetterà di godere maggiormente anche del panorama e delle attrazioni circostanti.

You might also like

SLIDEBAR

Migrazioni e crisi ambientale: due realtà tristemente connesse

Tra le notizie che si sentono più spesso al telegiornale, quelle legate alle numerosissime migrazioni nel nostro continente sono ormai all’ordine del giorno; il numero di migranti è sempre più elevato e purtroppo sempre accompagnato da molti decessi in mare dovuti alle traversate compiute con i più improbabili mezzi. Ma le ragioni di tali migrazioni non vanno ricercate unicamente nelle guerre, piuttosto che nelle persecuzioni politiche o nelle condizioni di estrema povertà di alcuni territori, ma anche nella crisi ambientale.

Ambiente

L’ecologia vince: buco dell’ozono in netto miglioramento

L’impatto dell’uomo sull’intero eco sistema è causa di innumerevoli disastri ambientali e di ragionevoli preoccupazioni per il nostro futuro su questo meraviglioso Pianeta. Anche se la situazione non è delle più rosee, una buona notizia rafforza ancora di più l’impegno, tanto doveroso quanto finalmente concretizzato attraverso numerose decisioni ecologiste, verso una maggiore presa di coscienza e un impegno costante nell’assunzione di comportamenti eco friendly: il buco dell’ozono si sta chiudendo!

Lifestyle

Vivere green: le piccole azioni quotidiane per aiutare l’ambiente

Ormai la parola green è di gran moda ed è sulla bocca di tutti per indicare un modo alternativo e amico dell’ambiente, per vivere, consumare prodotti e comportarsi. Partiamo dalle cose più semplici: ecco alcune piccole azioni quotidiane che potete mettere in pratica per rispettare meglio l’ambiente, nell’ottica di un consumo più consapevole e improntato al risparmio.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply