Shopper di plastica: più della metà sono fuori legge

Shopper di plastica: più della metà sono fuori legge

L’indagine di Legambiente, denominata “Sacchetti Illegali”, è stata condotta per valutare l’effettivo rispetto della legge sui sacchetti di plastica (legge 28 del 24 marzo 2012), la quale sancisce l’assolto divieto di utilizzare shopper non compostabili.

I risultati sono davvero allarmanti: oltre il 54% dei sacchetti analizzati risulta fuori norma; su un totale di 37 buste prelevate in 7 regioni 20 sono risultate illegali.

Le regioni nelle quali sono stati prelevati gli shopper non conformi alla legge sono: Basilicata (con 6 sacchetti non conformi), Campania (7 sacchetti non conformi), Calabria (3 sacchetti), Puglia (3) e Lazio (1). Le uniche regioni nelle quali gli shopper sono risultati legali sono state le Lombardia e il Veneto.

Sulla base dei 20 sacchetti risultati fuori norma è stata stilata anche una classifica in base ai punti vendita, dalla quale risultano i seguenti dati: Sigma (5 sacchetti non conformi), Crai, Eurospin e Sisa (2 sacchetti non conformi), A&O (3 sacchetti non conformi), Conad, Despar/Eurospar, Eurocisette, Imagross, M.A. Supermercati/Gros, Maxisidis/Intersidis (1 sacchetto non conforme).

Questo il commento del Vicepresidente di Legambiente Stefano Ciafani: “Il bando sui sacchetti di plastica è in vigore da anni, la norma è molto chiara e le multe previste dallo scorso mese di agosto sono salate. È arrivato il momento di far rispettare una legge che permette di ridurre l’inquinamento da plastica.”.

Ciafani ha sottolineato anche il fatto che i pessimi risultati dell’indagine sarebbero stati ancora più negativi se fossero state condotte verifiche anche sui piccoli esercizi commerciali e sui mercati rionali, piuttosto che sul sistema di vendita on-line.

Marco Versari, Presidente di Assobioplastiche, pone l’attenzione su altri dati davvero significativi riguardanti l’importanza della gestione e del corretto smaltimento delle materie plastiche, sottolineando l’importanza del rispetto della legge sugli shopper monouso che, se applicata con serietà, consentirebbe: una riduzione dell’inquinamento da plastica, il miglioramento dell’intero sistema di raccolta differenziata e il generare di progetti industriali nel settore della bio-economia con importanti ricadute occupazionali.

 

Gli shopper distribuiti dai punti vendita per essere a norma di legge devono riportare la scritta “biodegradabile e compostabile“, nonché la sigla dello standard europeo “UNI EN 13432:2002” e il marchio di un ente certificatore per la tutela del consumatore come soggetto terzo, di cui i più diffusi sono: Cic, Din Certco e Vincotte.

Come, infine, ha dichiarato Francesco Ferrante, Vicepresidente di Kyoto Club, organizzazione non profit impegnata nel raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas-serra, la cosiddetta chimica verde può davvero portare innovazione e contribuire significativamente ad un maggior rispetto dell’ambiente e per questo occorre che le forze dell’ordine e la magistratura facciano rispettare le leggi.

I dati allarmanti emersi da questa indagine fanno riflettere sullo stato della questione ambientale nel nostro Paese e dovrebbero spingerci verso lo sviluppo di una mentalità eco-solidale, prima che sia troppo tardi.

You might also like

SLIDEBAR

Targa e bollo anche per le biciclette? Un emendamento contro la mobilità sostenibile

I gravi problemi ambientali legati all’inquinamento hanno portato le più grandi città del nostro Paese a soluzioni, purtroppo quasi esclusivamente palliative, come il blocco del traffico, piuttosto che la circolazione con targhe alterne. Ovviamente i danni causati dalle emissioni nocive delle auto possono essere attenuati unicamente lasciando i mezzi nel garage e circolando in maniera alternativa. A tutti coloro che optano per mezzi di trasporto ecologici, quali le biciclette, va riconosciuto il grande merito di possedere una reale coscienza ambientalista; sembra però che un emendamento anti-bici stia per minare tale ammirevole comportamento.

SLIDEBAR

Nespresso: disastro ecologico in capsula

Uno dei prodotti più pubblicizzati ad avere conquistato il mercato globale in pochissimo tempo, oggi conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo, sembra essere anche il “colpevole” di un disastro ambientale; stiamo parlando della Nespresso, o meglio delle sue comode, colorate ed invianti cialde, con cui ogni giorno vengono preparati decine di milioni di caffè.

Riciclo

I personaggi più famosi prendono vita nell’arte del riciclo

Il riciclo è un’attività molto importante nell’ottica della salvaguardia dell’ambiente e, giusto per unire l’utile al dilettevole, può anche inserirsi in un’originale dimensione artistica di grande impatto visivo e degna di nota. È il caso delle opere di Jane Perkins, una bravissima artista che ha fatto del riciclo la sua passione e la sua arte!

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply