San Valentino all’insegna dell’ecologia: regalare un albero 

San Valentino all’insegna dell’ecologia: regalare un albero 

Ogni anno il giorno di San Valentino vengono spesi milioni di Euro in regali commerciali, doni preziosi dal punto di vista economico piuttosto che piccoli pensieri con cui conquistare il cuore del proprio innamorato.

Se siete alla ricerca del regalo giusto ma non  avete ancora vagliato tutte le possibilità, sappiate che quest’anno ne esiste una unica ed originale, un’idea del cuore ecologico: un albero che potrete donare e poi piantare insieme nel meraviglioso parco di Villa Ghigi a Bologna.

L’iniziativa “verde” dal nome “Un albero per te” è stata lanciata dalla Fondazione Villa Ghigi di Bologna e dà la possibilità di acquistare e piantare un arbusto nel parco omonimo per festeggiare all’insegna dell’amore per la natura la festa degli innamorati, nonché una qualsiasi altra ricorrenza che ci sta a cuore.

Decidere di regalare un albero, invece che un oggetto magari destinato a non durare nel tempo, significa regalare qualcosa di simbolico, fare un dono davvero speciale sia al proprio partner che all’ambiente.

La Fondazione Villa Ghigi spiega sul suo sito web che negli anni è stato chiesto diverse volte di poter piantare un albero in memoria di qualcuno che non c’è più, piuttosto che per festeggiare una particolare ricorrenza, ad esempio un matrimonio o una nascita, e aggiunge che nel parco si possono già ammirare alcune piante che vi si trovano proprio grazie a queste richieste e ai sentimenti che le hanno accompagnate.

Piantare un albero, infatti, è sempre stato un gesto simbolico carico di significato; si tratta di una metafora del ciclo della vita, un processo naturale che attraversa le varie fasi dell’esistenza.

Ciò che la Fondazione ha deciso di offrire a coloro che desiderano suggellare un sentimento senza scordandosi dell’importanza dell’ambiente e della vita in generale, è di scegliere una specie arborea e il luogo dove piantarla pagando una somma che tenga in considerazione l’acquisto della pianta, piccole spese di manutenzione e un minimo contributo a favore della Fondazione.

Quello che possiamo dare in cambio – dichiara la Fondazione – oltre al piacere di piantare un albero nel più bel parco delle prime colline bolognesi, è un ringraziamento personale nel nostro sito, dove apriremo una specifica sezione per questo, con la localizzazione dei singoli alberi donati, e un riguardo particolare, soprattutto nei primi anni, perché la pianta cresca il meglio possibile.”

I motivi che hanno spinto la Fondazione Villa Ghigi a lanciare questa bella iniziativa sono tre: rispondere adeguatamente alle richieste ricevute nel tempo, sostenere le attività della Fondazione e contribuire in maniera mirata e concreta al rinnovamento del patrimonio arboreo del parco, introducendo nuovi esemplari di qualità in zone strategiche che necessitano di essere arricchite e ripensate.

Donando un albero si potrà ricordare un evento o un sentimento guardandolo crescere e sapendo che quella pianta vive grazie alla nostra storia d’amore, un amore dal volto ecologico e carico di significato. Ovviamente si tratta, allo stesso tempo, di un gesto concreto che necessita di essere pianificato; i costi dipendono in primis dalla varietà arborea che si desidera piantare e dalle sue dimensioni.

Orientativamente la somma da investire in questo gesto parte dai 250 euro sino ad arrivare ad oltre mille euro, con molteplici possibilità intermedie.

You might also like

SLIDEBAR

Plastica nel pesce: qual’è la situazione dei mari e quale l’impatto sulla salute pubblica

L’inquinamento dell’acqua, così come quello dell’aria, ha effetti nascosti e latenti che spesso si tende ad ignorare o a sottovalutare perché non direttamente visibili o sperimentabili; tra gli altri, il fatto che la fauna marina si sta ammalando a causa dell’incuria dell’uomo che continua ad abbandonare rifiuti in seguito ingeriti anche da pesci e molluschi. Le microplastiche sono entrate di fatto nella catena alimentare dei pesci; scopriamo quali sono gli effetti sulla fauna marina e quali i rischi per i consumatori.

Ambiente

Ecologia e riciclo: il tetrapak diventa biodegradabile

Parlando di ecologia e rifiuti uno degli aspetti certamente più importanti riguarda la raccolta differenziata; anche se oggi è possibile separando i vari materiali farli entrare nel circuito del riciclo, alcuni restano piuttosto difficili da gestire nel modo corretto. I contenitori in tetrapak, ad esempio, per essere riciclati correttamente devono essere trattati in maniera differente da altri: non è sufficiente, infatti, gettarli nel contenitore della plastica, ma è necessario separare le varie parti di cui sono composti; da oggi potrà essere molto più semplice, e soprattutto più ecologico, grazie al tetrapak del futuro. Vediamo di cosa si tratta.

Riciclo

Riciclo creativo: come riutilizzare gli pneumatici fuori uso per creare magnifici “animali da giardino”

Tra gli oggetti più difficili da smaltire, gli pneumatici fuori uso sono purtroppo molto spesso abbandonati, in mare e sulla terra ferma, causando gravissimi danni ambientali. Tutti coloro che possiedono un auto sanno bene che le gomme vanno periodicamente sostituite e che in alcuni casi quelle usurate restano accatastate in qualche angolo del garage in attesa di essere smaltite. Un ottimo modo per andare incontro alle esigenze del pianeta è essere in grado di riutilizzare oggetti e materiali invece che buttarli via; scopriamo come riciclare i vecchi pneumatici per creare fantastiche decorazioni.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply