Salvaguardare l’acqua: ecco perché è importante

Salvaguardare l’acqua: ecco perché è importante

 

L’acqua: il bene prezioso per eccellenza

L’acqua è l’elemento naturale per eccellenza ed è quello più presente sul nostro pianeta. Spesso la sprechiamo, la gettiamo inutilmente e non le diamo il valore che in realtà avrebbe, dal momento che è fondamentale per la nostra sopravvivenza, e perdiamo di vista la sua salvaguardia, indispensabile per il buon funzionamento dell’ecosistema.

Non solo molti paesi nel mondo soffrono della mancanza di acqua potabile, ma quelli più sviluppati, che non hanno certo questo problema, tendono a sprecarla, consumandone più del dovuto, mentre cresce il fabbisogno nei paesi poveri. Secondo gli esperti la situazione idrica potrebbe diventare ancora più critica di quanto in realtà non lo sia oggi, se non ci si focalizza sulle possibilità di preservare, e di non sprecare, l’acqua.

Alcuni paesi, come gli Stati Uniti e l’Australia, paese che in particolar modo soffre parecchio della mancanza di piogge, hanno già attuato importanti politiche in questo senso e promuovono la conservazione dell’acqua partendo da quella consumata all’interno della propria abitazione. Tuttavia, queste operazioni potrebbero presto non essere più sufficienti, se importanti settori, come quello dell’agricoltura non vengono controllato sufficientemente e in modo più severo.

Le richieste idriche sono destinate ad aumentare inesorabilmente negli anni che verranno, considerato che la domanda di acqua delle popolazioni è sempre più in crescita, così come aumenta la necessità di approvvigionamento idrico nell’industria agricola e nel settore industriale.

Ad aggravare ulteriormente la situazione è un uso solitamente scorretto dell’irrigazione, con metodi spesso inefficienti e inquinanti, che portano a inevitabili conseguenze negative sull’ambiente e sull’economia dei paesi.

E allora cosa si può fare? La domanda è complessa, la risposta altrettanto, ma nel frattempo alcune piccole grandi rivoluzioni si potrebbero attuare e si rivelerebbe anche, a lungo andare, portatrici di molti benefici. Ecco di cosa si tratta.

  • Maggiore attenzione ai sistemi depurativi e alle strutture per la fornitura dell’acqua, ad uso privato e industriale
  • Investimenti per la costruzione di dighe
  • Attenzione e controllo sulla pulizia e sui sistemi di purificazione dell’acqua
  • Controllo rigido sulle sostanze inquinanti che si riversano nel mare, nei laghi e nei fiumi
  • Controllo dell’irrigazione dei campi agricoli

Per quanto riguarda le nostre piccole azioni quotidiane, quelle che ognuno di noi può compiere senza grandi sforzi ma contribuendo a un grande risultato collettivo, è bene sapere che tutti noi possiamo e dobbiamo contribuire a proteggere un bene così prezioso come l’acqua. Ecco alcuni degli accorgimenti più importanti da mettere in pratica:

  • Non sprecare l’acqua lasciando i rubinetti aperti a lungo quando non serve;
  • Non gettare mozziconi di sigaretta o rifiuti nel mare, nei laghi e nei fiumi;
  • Ridurre il consumo di acqua attraverso un utilizzo più consapevole degli elettrodomestici come la lavatrice e la lavastoviglie;
  • Preferire una doccia veloce al bagno;
  • Regolare la portata dell’acqua sotto la doccia per ridurre gli sprechi.

You might also like

Ambiente

Novità ecologica: The Breath, il tessuto antismog in grado di purificare l’aria

In materia di innovazioni ecologiche sono molte le realtà che lavorano per realizzare prodotti e beni di consumo a minimo impatto ambientale; oggi, inoltre, grazie all’attività di numerose startup, italiane e non, si assiste ad una vera e propria rivoluzione con novità davvero interessanti. Tra le idee più innovative ed originali in campo ecologico, The Breath, il tessuto che purifica l’aria, rappresenta, forse, un primo e decisivo passo vero una doverosa presa di coscienza; scopriamo di cosa si tratta.   

Ambiente

Surriscaldamento globale: l’opinione del neoeletto Presidente USA Donald Trump

Nell’ambito della salvaguardia dell’ambiente, uno dei temi più discussi e sentiti degli ultimi anni, se non il principale, è sicuramente quello relativo ai danni causati all’interno ecosistema dai cambiamenti climatici, ovvero dal cosiddetto surriscaldamento globale. Questa situazione, come le molte altre di interesse mondiale, tocca ora anche il neoeletto Presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump, il quale adesso dovrà fare i conti con la scienza; scopriamo il suo punto di vista sulla questione.

Ambiente

Plastica nel pesce: qual’è la situazione dei mari e quale l’impatto sulla salute pubblica

L’inquinamento dell’acqua, così come quello dell’aria, ha effetti nascosti e latenti che spesso si tende ad ignorare o a sottovalutare perché non direttamente visibili o sperimentabili; tra gli altri, il fatto che la fauna marina si sta ammalando a causa dell’incuria dell’uomo che continua ad abbandonare rifiuti in seguito ingeriti anche da pesci e molluschi. Le microplastiche sono entrate di fatto nella catena alimentare dei pesci; scopriamo quali sono gli effetti sulla fauna marina e quali i rischi per i consumatori.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply