Salvaguardare l’acqua: ecco perché è importante

Salvaguardare l’acqua: ecco perché è importante

 

L’acqua: il bene prezioso per eccellenza

L’acqua è l’elemento naturale per eccellenza ed è quello più presente sul nostro pianeta. Spesso la sprechiamo, la gettiamo inutilmente e non le diamo il valore che in realtà avrebbe, dal momento che è fondamentale per la nostra sopravvivenza, e perdiamo di vista la sua salvaguardia, indispensabile per il buon funzionamento dell’ecosistema.

Non solo molti paesi nel mondo soffrono della mancanza di acqua potabile, ma quelli più sviluppati, che non hanno certo questo problema, tendono a sprecarla, consumandone più del dovuto, mentre cresce il fabbisogno nei paesi poveri. Secondo gli esperti la situazione idrica potrebbe diventare ancora più critica di quanto in realtà non lo sia oggi, se non ci si focalizza sulle possibilità di preservare, e di non sprecare, l’acqua.

Alcuni paesi, come gli Stati Uniti e l’Australia, paese che in particolar modo soffre parecchio della mancanza di piogge, hanno già attuato importanti politiche in questo senso e promuovono la conservazione dell’acqua partendo da quella consumata all’interno della propria abitazione. Tuttavia, queste operazioni potrebbero presto non essere più sufficienti, se importanti settori, come quello dell’agricoltura non vengono controllato sufficientemente e in modo più severo.

Le richieste idriche sono destinate ad aumentare inesorabilmente negli anni che verranno, considerato che la domanda di acqua delle popolazioni è sempre più in crescita, così come aumenta la necessità di approvvigionamento idrico nell’industria agricola e nel settore industriale.

Ad aggravare ulteriormente la situazione è un uso solitamente scorretto dell’irrigazione, con metodi spesso inefficienti e inquinanti, che portano a inevitabili conseguenze negative sull’ambiente e sull’economia dei paesi.

E allora cosa si può fare? La domanda è complessa, la risposta altrettanto, ma nel frattempo alcune piccole grandi rivoluzioni si potrebbero attuare e si rivelerebbe anche, a lungo andare, portatrici di molti benefici. Ecco di cosa si tratta.

  • Maggiore attenzione ai sistemi depurativi e alle strutture per la fornitura dell’acqua, ad uso privato e industriale
  • Investimenti per la costruzione di dighe
  • Attenzione e controllo sulla pulizia e sui sistemi di purificazione dell’acqua
  • Controllo rigido sulle sostanze inquinanti che si riversano nel mare, nei laghi e nei fiumi
  • Controllo dell’irrigazione dei campi agricoli

Per quanto riguarda le nostre piccole azioni quotidiane, quelle che ognuno di noi può compiere senza grandi sforzi ma contribuendo a un grande risultato collettivo, è bene sapere che tutti noi possiamo e dobbiamo contribuire a proteggere un bene così prezioso come l’acqua. Ecco alcuni degli accorgimenti più importanti da mettere in pratica:

  • Non sprecare l’acqua lasciando i rubinetti aperti a lungo quando non serve;
  • Non gettare mozziconi di sigaretta o rifiuti nel mare, nei laghi e nei fiumi;
  • Ridurre il consumo di acqua attraverso un utilizzo più consapevole degli elettrodomestici come la lavatrice e la lavastoviglie;
  • Preferire una doccia veloce al bagno;
  • Regolare la portata dell’acqua sotto la doccia per ridurre gli sprechi.

You might also like

Ambiente

Energia verde e consumo consapevole: come scegliere, anche in base alle tariffe

Oggi più che mai occorre prendere in considerazione le esigenze dell’ambiente, il nostro Pianeta sta soffrendo a causa dell’impatto dell’uomo e del consumo sempre più elevato di energia, con i conseguenti danni causati all’intero ecosistema. In merito all’acquisto di energia, oggi non possiamo più valutare unicamente affidabilità e costi dei vari fornitori, dobbiamo prendere le nostre decisioni nel rispetto dell’ambiente.

SLIDEBAR

Stop al consumo di carne: per la salute e non solo

Sembra che i danni, potenziali ed effettivi, che derivano dal consumo di carne non siano strettamente legati alla salute dell’uomo ma anche a quella dell’intero pianeta; da un recente studio, infatti, risulta che se non limiteremo il consumo di carne e derivati animali, quali i latticini, non riusciremo a risolvere il problema delle emissioni di gas serra.

SLIDEBAR

Come capire se l’acqua è “buona”

Una delle classiche domande che ci si pone quando si apre il rubinetto di casa è se l’acqua che ne fuoriesce è “buona”; capire se l’acqua che sgorga dalle nostre tubature è adatta ad essere utilizzata non è semplice. Sappiamo che la Legge impone controlli maggiori sull’acqua di rubinetto piuttosto che su quella in bottiglia, ma sappiamo di quali test si tratta e quali criteri deve soddisfare l’acqua per essere considerata “buona”?

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply