Referendum sulle trivellazioni: tutto ciò che c’è da sapere per poter votare

Referendum sulle trivellazioni: tutto ciò che c’è da sapere per poter votare

Il referendum sulle trivellazione è alle porte ed entro pochi giorni noi tutti dovremmo dare il nostro voto in merito; il giorno sarà il 17 di aprile (domenica) e la votazione avrà luogo dalle ore 7 del mattino sino alle ore 11 della sera.

Durante la giornata del 17 aprile, quindi, tutti i cittadini saranno chiamati a votare per tale referendum, ovvero per la richiesta di abrogazione del comma 17 dell’articolo 6 del decreto legislativo 152 del 3/4/2006 in merito alle norme in materia ambientale.

Il referendum, che ha carattere nazionale, è stato promosso da 9 regioni del Paese (Marche, Basilicata, Puglia, Calabria, Sardegna, Liguria, Veneto, Molise e Campania), contro i progetti petroliferi del governo nelle acque territoriali ed è, inoltre, sostenuto da moltissime associazioni ambientaliste, nonché dal movimento No Triv.

La prima domanda alla quale occorre dare una risposta in occasione di un qualsiasi referendum è: perché si vota? Molto spesso si sente parlare di un argomento soggetto a future votazioni da fonti di parte, le quali danno delle spiegazioni poco imparziali e si rischia, così, di perdere di vista il vero problema, ovvero il reale motivo della votazione.

La domanda alla quale dobbiamo rispondere per poter votare è: vogliamo che, una volta scadute le concessioni, vengano fermati tutti i giacimenti in attività nelle acque territoriali italiane anche nel caso ci sia ancora petrolio o gas da estrarre?

Quindi, se pensate che le trivellazioni ad oggi in atto entro le 12 miglia dalla costa non debbano continuare dovrete votate SI; in caso contrario, ovvero, se volete che la normativa vigente venga mantenuta tale e che i giacimenti attivi continuino le loro attività, dovrete votare NO.

I giacimenti interessati sono Gospo (Edison) e Guendalina (Eni) siti nel mare Adriatico e Vega (Edison) che si trova nelle acque della Sicilia, di fronte alla città di Ragusa.

Secondo quanto previsto dalla Costituzione, il referendum popolare viene ritenuto valido solo con il raggiungimento del quorum, ovvero se andrà al voto almeno il 50 % più uno degli aventi diritto.

Come abbiamo già accennato si voterà domenica 17 aprile dalle ore 7:00 alle ore 23:00 presso il proprio seggio elettorale, ovvero quello dove il cittadino è iscritto.

Il numero del seggio è visibile sulla propria tessera elettorale, riportato sotto la sezione dedicata ai dati anagrafici.

Per votare è necessario recarsi al seggio elettorale del comune di residenza a cui si è iscritti e presentarsi muniti del documento d’identità e della tessera elettorale.

Può essere utile verificare per tempo che nella propria tessera vi siano ancora spazi disponibili per la timbratura, e se così non fosse richiedere il rilascio di una nuova tessera presso l’Ufficio elettorale del proprio comune.

You might also like

News

Chiavette USB ecologiche prendi e strappa

Una simpatica collezione di chiavette USB con un particolare supporto in carta riciclata che permette di trasportarle comodamente in giro, ad esempio nel portafogli, e di strapparle via per utilizzarle quando servono. Perfette per chi ha sempre qualcosa da copiare o da trasferire da un computer all’altro, ma non si ricorda mai dove ha messo la chiavetta.

SLIDEBAR

Dal 2 febbraio, multa a chi getta mozziconi di sigaretta per terra

Non solo brutti da vedere, ma anche dannosi per l’ambiente e quindi a lungo andare anche per la salute delle persone: le città italiane effettuano un giro di vite e promuovono una legge che multerà chi getta mozziconi e piccoli rifiuti per terra. E intanto, si studia anche a come riutilizzarli…

SLIDEBAR

Giappone: nasce il quotidiano “verde”, interamente realizzato con “carta piantabile”

L’importanza dell’eco-sostenibilità sta pian piano diventando la base del comportamento di un  numero crescente di realtà imprenditoriali che, comprendendo le esigenze del pianeta, si impegnano nello sviluppo di innovazioni “verdi” in grado di limitare l’impatto ambientale di prodotti e materie prime. È il caso di uno dei più importanti quotidiani nazionali del Giappone che ha ideato il “Green Newspaper”; scopriamo di cosa si tratta.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply