Realizzare una stazione di riciclaggio in casa in modo creativo e divertente

 

 

Trasformare oggetti di uso quotidiano in qualcosa di nuovo è un ottimo modo per aggiungere un tocco di personalizzazione all’interno di casa, e farlo attraverso il riciclaggio di materiali altrimenti destinati alla spazzatura rappresenta la maniera migliore per contribuire attivamente a salvaguardare l’ecosistema.

La plastica, ad esempio, è tra i vari materiali riciclabili uno dei più funzionali per realizzare molti oggetti utili grazie alle sue caratteristiche di durata e versatilità. Trovando nuovi utilizzi agli oggetti di plastica di uso quotidiano si contribuirà notevolmente all’eco sostenibilità, evitando inoltre di intasare le discariche con questo materiale difficilmente “digeribile” per il pianeta.

Possono essere semplici riutilizzi, come ad esempio usare un contenitore di plastica alimentare come vaso per piccole piantine decorative, oppure un vassoio in pvc per organizzare piccoli oggetti in garage; oppure, se amate cimentarvi con il fai da te e possedete un pizzico di manualità, potete sempre creare qualcosa di più impegnativo ed originale, come ad esempio una stazione di riciclaggio decorativa e funzionale per la vostra casa.

Molti di noi, infatti, hanno un sacco di oggetti di plastica da riciclare sparsi per tutta la casa, ma a volte un raccoglitore brutto a vedersi e noioso ci può scoraggiare dalla pratica del riciclaggio. Non deve essere per forza così! Costruire contenitori per il riciclaggio che, oltre ad essere funzionali, siano piacevoli alla vista e, perché no, divertenti ed originali, è più facile di quanto si possa pensare.

 

Come procedere, passo dopo passo

Per prima cosa procuratevi un pannello forato, dipingetelo del colore che preferite e appendetelo su una parete della vostra cucina o dello sgabuzzino. Il pannello fungerà da sfondo per la vostra nuova stazione di riciclaggio.

Acquistate (o meglio ancora riciclateli se ne avete qualcuno sparso per casa, in giardino o in garage) tre grandi secchi di plastica: uno per le bottiglie, uno per le borse e i sacchetti e uno per tutti gli altri oggetti di plastica leggeri. La dimensione dei contenitori dipenderà dalla quantità di materiale riciclabile che la vostra famiglia produce su base quotidiana.

Etichettate ciascun contenitore in modo originale e creativo in base al tipo di materiale riciclabile che dovrà contenere. Un modo divertente, ad esempio, è farlo con le immagini, oppure disegnando un sacchetto di plastica, una bottiglia di plastica, e una lattina su pezzi di carta colorata e ritagliare le immagini, poi dipingerle sul secchio utilizzando i modelli creati come stencil (in questa fase potete coinvolgere anche i bambini, per farli sentire partecipi al progetto).

Presso il negozio di ferramenta, acquistate dei ganci che possano essere montati sul pannello e usateli per appendere i secchi. Assicuratevi di acquistare ganci che siano abbastanza grandi e resistenti per supportare il peso dei secchi a pieno carico.

Ora disponete di uno spazio organizzato ad hoc per il riciclo, allegro, decorativo e decisamente originale; questo contribuirà a ricordare ogni giorno alla vostra famiglia l’importanza del riciclo. Inoltre, se vi servirà una bottiglia vuota per annaffiare un vaso o dei contenitori per realizzare oggetti fai da te piuttosto che un sacchetto vuoto saprete dove trovarlo!

E ora che avete bella e pronta una vera e propria stazione di riciclaggio in casa, potete iniziate a riciclare con metodo e puntualità, coinvolgendo tutti i membri della famiglia! Buon riciclo a tutti!

You might also like

Casa e Giardino

Come comportarci quando gli elettrodomestici non funzionano bene

Quando gli elettrodomestici non funzionano, a causa di un guasto o perché è arrivata l’ora di cambiarli, il più delle volte non sappiamo come comportarci, imbattuti tra pensare che si tratti di un malfunzionamento provvisorio e realizzare che è giunto proprio il momento di fare un nuovo acquisto. Ecco allora qualche consiglio su come agire in questi casi.

Ambiente

15 bellissime foto di animali che si baciano

Baciarsi, baciarsi e ancora baciarsi. L’uomo, dalla notte dei tempi, ha usato questa forma di contatto fisico per esprimere le proprie emozioni e i propri sentimenti il quale ha assunto diversi significati a seconda del contesto: il bacio come saluto, come segno di fratellanza, come atto sessuale e per ultimo, ma non per questo meno importante, come segno d’affetto. Ma siamo così sicuri che tale atto sia prerogativa esclusiva dell’uomo ? Qui di seguito una sequenza di immagini che testimoniano come anche gli animali, nel loro essere, necessitano di esprimere i propri impulsi attraverso il bacio.

Casa e Giardino

Lampade in bambù per un arredo naturale

Le lampade realizzate con il bambù non solo arredano la casa con il loro tocco rustico e naturale, ma sono anche facili da riciclare una volta che il loro ciclo vitale si conclude. Eccone alcune delle più belle.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply