Raccolta differenziata: i 10 rifiuti che possono creare dubbi e confusione

Raccolta differenziata: i 10 rifiuti che possono creare dubbi e confusione

I rifiuti domestici sono molti e costituiti da svariati materiali, possono essere sporchi o puliti e, in alcune occasioni, ci si ritrova a dover gettare alcuni rifiuti che, pur facendo parte dei materiali più comuni (carta, plastica, vetro, alluminio) necessitano, per via di alcune particolari caratteristiche, di una diversa gestione.

A tutti sarà capitato almeno una volta di avere dei dubbi in merito al giusto contenitore da utilizzare per gettare un particolare oggetto; scopriamo insieme la corretta procedura di smaltimento di alcuni tra i rifiuti domestici più comuni, e che spesso possono creare un po’ di confusione.

1. Il cartone della pizza a domicilio

Anche se realizzati interamente in cartone, i contenitori delle pizze a domicilio non devono essere gettati nella raccolta della carta, bensì nell’indifferenziata; questo perché spesso sono sporchi di olio e residui alimentari, i quali renderebbero impossibile il processo di riciclo. Un comportamento ecologico dovrebbe essere quello di separare le porzioni di cartone sporche da quelle pulite, in modo da poter inserire nel contenitore della carta almeno le parti non “contaminate”, che saranno così riciclate e reimmesse in circolazione.

2. La carta d’alluminio

Anche se molto danneggiata la carta d’alluminio è riciclabile come qualsiasi altro oggetto realizzato in questo materiale; di conseguenza non va gettata nell’indifferenziata: rimuovete eventuali residui alimentari e gettatela negli appositi contenitori. La raccolta dell’alluminio varia da comune a comune e, a seconda del regolamento, andrà gettato nel vetro, nella plastica oppure nei contenitori appositi dove disponibili.

3. Gli scontrini

Gli scontrini dei negozi (così come lacune tipologie di carta da fax tipica dei piccoli apparecchi da home office), anche se può sembrare strano, non possono essere riciclati! Questo perché sono stampati su carta chimica, la quale non può partecipare al processo di riciclo. Vanno quindi buttati nel contenitore per la raccolta indifferenziata.

4. Giocattoli, penne e pennarelli

Anche se composti da plastica, tutti questi oggetti devono essere gettati nella raccolta indifferenziata; non si tratta infatti di imballaggi o contenitori e di conseguenza non devono essere inseriti nel contenitore della plastica. Se si tratta di giocattoli di grandi dimensioni è necessario rivolgersi alle isole ecologiche del proprio comune.

5. Ceramica, specchi e bicchieri

Un errore piuttosto comune è quello di gettare piatti, specchi o bicchieri rotti nel contenitore del vetro. Anche se si tratta di vetro, almeno nel caso dei bicchieri e degli specchi, questi oggetti non possono partecipare al processo di riciclo poiché tale procedimento è riservato agli imballaggi (bottiglie e barattoli di vetro); di conseguenza vanno gettati nel bidone della raccolta indifferenziata.

6. Tovaglioli di carta usati

I tovaglioli di carta andranno gettati nel contenitore della carta solo se puliti, al contrario andranno ad unirsi all’umido. La carta è un materiale biodegradabile e se sporca non può far parte del processo di riciclo.

7. I contenitori in Tetrapack

Tra gli oggetti che fanno sorgere più dubbi in merito al loro smaltimento i contenitori in Tetrapack sono tra i più problematici. Il Tetrapack non è né carta, né plastica; la sua raccolta varia da comune a comune e, a seconda del regolamento, dovrete gettarlo nella carta o nella plastica ma mai nell’indifferenziata. Ricordate sempre di rimuovere eventuali residui alimentari prima di gettare i contenitori.

8. Peli di animali e capelli

Trattandosi di rifiuti organici i peli degli animali domestici vanno gettati nel contenitore dell’umido, e non nell’indifferenziata.

9. Vaschette di polistirolo e piatti di plastica

Anche se la raccolta differenziata della plastica è dedicata a imballaggi e contenitori, dal 1° maggio 2012 anche piatti e bicchieri di plastica possono essere gettati in questi contenitori, ovviamente solo se preventivamente puliti. Per quanto riguarda le vaschette di polistirolo, trattandosi di un polimero termoplastico, vanno unite anch’esse alla raccolta della plastica, anche in questo caso dopo averle ripulite da eventuali residui alimentari.

10. Confezioni di biscotti e caffè

Un errore molto comune è quello di inserire questi rifiuti nel contenitore per la raccolta della plastica o della carta; in realtà molto spesso questi imballaggi sono composti da materiali non riciclabili. Per essere certi della loro composizione controllate i simboli presenti sulla confezione: un triangolo con codice “07” indica che si tratta di imballaggi non riciclabili.

You might also like

Riciclo

Eco-fai da te: come realizzare magnifiche lanterne decorative

Tra gli oggetti più comuni e facilmente reperibili nelle nostre case, i vasetti di vetro che contengono alimentari sono tra i più adatti ad essere trasformati in oggetti di svariato genere attraverso il fai da te. La pratica del riciclo è sempre più popolare sia per merito del suo importante valore ecologico, sia per il fatto che grazie ai progetti di fai da te è possibile creare stupendi oggetti che possono essere funzionali e al contempo molto decorativi.

Riciclo

Da vecchio pallet a mensola a sospensione

Con i vecchi pallet si può realizzare davvero qualsiasi cosa, a partire dai complementi per la casa, che possono diventare un modo creativo e originale per arredare. Per realizzare un progetto di questo tipo tutto quello che vi serve, oltre alla materia prima, sono tanta fantasia, colori e creatività. Vi proponiamo a tal proposito un progetto creativo e personalizzato: una bella mensola a sospensione!

Ambiente

Legno riciclato: scegliere in modo giusto rispettando l’ambiente

Il legno è uno dei materiali più naturali per eccellenza, è estremamente versatile e può essere utilizzato in svariati modi. Non tutti, però, forse sanno che è possibile optare per una varietà di legno riciclata, più sostenibile, rispettosa per l’ambiente, ma non per questo meno bella ed esteticamente accattivante. Se volete saperne di più, eccovi almeno tre motivi per preferire il legno riciclato a quello tradizionale.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply