Quando l’energia pulita sposa il design

Quando l’energia pulita sposa il design

Di pannelli solari se ne parla come valida soluzione alternativa per la produzione di energia pulita, rinnovabile e a basso impatto energetico e c’è chi a tal proposito è continuamente all’opera per trovare un modo sostenibile, e anche bello da vedere, per utilizzare l’energia che proviene dal sole. Eccone uno. Si tratta di un’idea ingegnosa, e anche ad alto tasso di originalità, che non poteva che arrivare dalla Svezia, uno dei paesi in prima linea per quanto riguarda questo tipo di progetti.

La società in questione si chiama SolTech Energy e il suo compito è quello di sviluppare nuove soluzioni per produrre energia pulita ricavandola dal sole. Tra queste si inserisce un interessante progetto, messo a punto nel 2009, che consiste nel prototipo di una casa con sistema di riscaldamento contenuto all’interno di tegole realizzate in vetro trasparente; dimenticatevi quindi il più tradizionale dei tetti e immaginatevi pure un tetto color cristallo, forse più indicato al freddo clima delle Svezia che a temperature mediterranee, ma molto suggestivo a vedersi e originale nell’idea.

A metà tra il pannello solare e la più conservativa delle soluzioni, almeno nel design, il tetto di questa casa sarebbe così in grado di immagazzinare l’energia proveniente dal sole per poi riutilizzarla per riscaldare gli ambienti di casa e produrre acqua calda. In Svezia il progetto pare abbia riscosso molto successo e sia anche stato insignito di importanti riconoscimenti alla fiera North Building.

I motivi? Semplice. Per gli innumerevoli vantaggi che una soluzione di questo tipo comporterebbe e per i materiali utilizzati. Primo fra tutti, il vetro utilizzato per le tegole, dello stesso peso che ne avrebbe una in argilla. Secondo, e importantissimo, la possibilità di produrre energia pulita con un meccanismo relativamente semplice; le tegole sono posizionate su una tela di nylon nero, che assorbe il calore del sole e permette di immagazzinarlo, per poi essere utilizzato per riscaldare l’acqua e per avviare il sistema di riscaldamento tramite apposito accumulatore, indispensabile ovviamente per creare un magazzino di energia per le giornate invernali e per le ore di buio, quando il sole non c’è.

You might also like

SLIDEBAR

Alcuni imballaggi alimentari di plastica sono nocivi alla salute e fanno ingrassare

Se ciò che ci offre la natura soltanto in rari casi può farci male, le creazioni dell’uomo in troppe occasioni nascondono qualcosa di nocivo per la nostra salute; specialmente se pensiamo ai prodotti alimentari e, come stiamo per scoprire, alle confezioni all’interno delle quali vengono venduti. Stiamo parlando della presenza di sostanze tossiche nella plastica, materiale con cui sono realizzati la maggior parte degli imballaggi alimentari.

SLIDEBAR

Innovazioni ecologiche: lo shampoo solido per contrastare la produzione dei rifiuti

La maggior parte delle azioni quotidiane che ognuno di noi svolge durante le ore della giornata ha un impatto, più o meno importante, sulle condizioni di salute del nostro Pianeta; basta pensare alla mobilità, alla costante produzione di rifiuti, all’uso della corrente elettrica, del riscaldamento e così via. In merito alla quantità di rifiuti che ognuno di noi produce ogni giorno, sappiamo bene quanto sia rilevante a fini ambientali, e quanto sia importante ridurla il più possibile; oggi, grazie ad un’idea ecologica, è possibile eliminare le bottiglie di plastica degli shampoo, scopriamo perché.

Ambiente

Salvaguardare l’acqua: ecco perché è importante

L’acqua è l’elemento primario e fondamentale per il pianeta. Oltre a fornire il quotidiano approvvigionamento idrico, infatti, l’acqua è utilizzata in molteplici attività, dall’agricoltura, all’industria. Ecco perché, al contrario di quello che l’uomo tende a fare con le proprie azioni, è importante preservarla. Come? facendo più attenzione e trattando con più rispetto questo elemento vitale per la nostra vita e per quella del pianeta.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply