Quando l’energia pulita sposa il design

Quando l’energia pulita sposa il design

Di pannelli solari se ne parla come valida soluzione alternativa per la produzione di energia pulita, rinnovabile e a basso impatto energetico e c’è chi a tal proposito è continuamente all’opera per trovare un modo sostenibile, e anche bello da vedere, per utilizzare l’energia che proviene dal sole. Eccone uno. Si tratta di un’idea ingegnosa, e anche ad alto tasso di originalità, che non poteva che arrivare dalla Svezia, uno dei paesi in prima linea per quanto riguarda questo tipo di progetti.

La società in questione si chiama SolTech Energy e il suo compito è quello di sviluppare nuove soluzioni per produrre energia pulita ricavandola dal sole. Tra queste si inserisce un interessante progetto, messo a punto nel 2009, che consiste nel prototipo di una casa con sistema di riscaldamento contenuto all’interno di tegole realizzate in vetro trasparente; dimenticatevi quindi il più tradizionale dei tetti e immaginatevi pure un tetto color cristallo, forse più indicato al freddo clima delle Svezia che a temperature mediterranee, ma molto suggestivo a vedersi e originale nell’idea.

A metà tra il pannello solare e la più conservativa delle soluzioni, almeno nel design, il tetto di questa casa sarebbe così in grado di immagazzinare l’energia proveniente dal sole per poi riutilizzarla per riscaldare gli ambienti di casa e produrre acqua calda. In Svezia il progetto pare abbia riscosso molto successo e sia anche stato insignito di importanti riconoscimenti alla fiera North Building.

I motivi? Semplice. Per gli innumerevoli vantaggi che una soluzione di questo tipo comporterebbe e per i materiali utilizzati. Primo fra tutti, il vetro utilizzato per le tegole, dello stesso peso che ne avrebbe una in argilla. Secondo, e importantissimo, la possibilità di produrre energia pulita con un meccanismo relativamente semplice; le tegole sono posizionate su una tela di nylon nero, che assorbe il calore del sole e permette di immagazzinarlo, per poi essere utilizzato per riscaldare l’acqua e per avviare il sistema di riscaldamento tramite apposito accumulatore, indispensabile ovviamente per creare un magazzino di energia per le giornate invernali e per le ore di buio, quando il sole non c’è.

You might also like

Ambiente

Come ridurre (e anche azzerare!) l’uso di plastica in cucina

La cucina, cuore della casa e punto di ritrovo e di convivialità per la famiglia, nonchè luogo dove si preparano, si conservano e si consumano gli alimenti, dovrebbe essere il più possibile plastic-free: ecco come procedere per cercare di eliminare dagli alimenti le tossine della plastica, sostituendola con materiali naturali.

Riciclo

Come riciclare creativamente il cestello della vecchia lavatrice

Fortunatamente negli ultimi anni la pratica del riciclo sta diventando sempre di più un’abitudine comune; anche se purtroppo non è raro vedere elettrodomestici abbandonati per le strade o nelle zone rurali, oppure gettati indiscriminatamente nella raccolta indifferenziata. È giunto il momento di smettere di gravare sull’ambiente, e uno dei modi migliori per farlo è rappresentato dal riciclo fai da te. Vediamo com’è possibile riciclare, ad esempio, il cestello di una vecchia lavatrice.

Ambiente

La più frequente causa di morte negli animali? L’uomo.

Che l’uomo sia un animale dannoso per il pianeta, non c’è dubbio, ma forse non tutti sanno che siamo responsabili anche dell’estinzione diretta, a volte anche per futili motivi, di tantissime specie animali. Ecco la triste classifica.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply