Pasta di legumi a basso indice glicemico

Pasta di legumi a basso indice glicemico

Secondo il team di ricercatori che la sta mettendo a punto, che fanno capo all’Università Cattolica di Piacenza, questa pasta non sarebbe un vero e proprio toccasana solo per i celiaci, ma anche per tutti coloro che attualmente, al supermercato, prediligono li prodotti senza glutine nella (errata) convinzione che questi ultimi non facciano ingrassare, senza considerare, invece, che nella maggior parte dei casi l’apporto calorico di una porzione di pasta non è data dalla pasta in sé, ma da quello con cui la si condisce.

Sembra però che, spesso, la pasta speciale senza glutine che viene prodotta per chi soffre di celiachia abbia un indice glicemico più alto rispetto a quello della pasta tradizionale: da qui l’esigenza di sviluppare un prodotto, sempre senza glutine, che contribuisca a mantenere invariati i livelli glicemici, senza “balzelli”.

Ancora, pare che tante delle persone che decidono di eliminare completamente il glutine dalla loro dieta vadano incontro a problemi di sovrappeso e addirittura di obesità, in quanto molto probabilmente la loro alimentazione non è equilibrata al punto giusto, situazione che viene ulteriormente peggiorata dall’acquisto di prodotti gluten-free.

Questo nuovo tipo di pasta recentemente messo a punto, invece, è ad assorbimento lento, se paragonato a quello dei cereali che vengono comunemente impiegati per la realizzazione di prodotti senza glutine, qualità che potrebbe mettere i celiaci al riparo da aumenti ponderali sostanziosi dati dalla scelta di alimenti sì senza glutine, ma con un indice glicemico molto superiore.

Questa nuova pasta, invece, realizzata con una combinazione di farine di teff e di riso mischiate a determinati tipi di fagiolo, potrà essere tranquillamente introdotta nella dieta quotidiana di un celiaco senza causare scompensi o portare a effetti indesiderati. Naturalmente, l’esperimento non si ferma alla pasta ma prenderà in considerazione anche diversi tipi di snack come biscotti e cracker.

You might also like

Lifestyle

9 idee per riciclare creativamente vecchie t-shirt

La classica t-shirt è uno degli indumenti più utilizzati nella vita quotidiana, e di conseguenza l’indumento più soggetto all’usura. Ma quando la maglietta è proprio da buttare, nel senso che non è più possibile indossarla per evidenti motivi, neanche per andare in palestra, aspettate a destinarla alla spazzatura: potrebbe tornarvi utile qualora vi vogliate cimentare con un po’ di riciclo creativo. Ecco allora qualche idea per dare nuova vita alle vecchie magliette, in modo originale e anche divertente.

Cucina

Colazione al top con la crema Budwig: cos’è e come prepararla

Tra le varie diete che spopolano sul web e che suscitano molto interesse sia tra coloro che stanno cercando un metodo efficace per dimagrire sia tra chi desidera alimentarsi in maniera sana al fine di tutelare al meglio la propria salute, il metodo Kousmine ha una lunga storia e oggi è stato riscoperto come validissimo sistema alimentare capace di prevenire diverse malattie e disturbi importanti. Vediamo come preparare la famosa crema Budwig, ideata proprio dalla dottoressa Kousmine nell’ambito del suo regime alimentare naturale e oggi ritenuta una delle colazioni più sane e complete.

Riciclo

Sacchetto di carta riciclabile che diventa gruccia

Un sacchetto di carta riciclabile che si trasforma in modo semplice e veloce in una pratica gruccia per l’armadio, progettato in modo da utilizzare lo stesso sacchetto contenitore del nuovo acquisto come comoda gruccia per riporre il capo dentro l’armadio. Un modo innovativo per aggiungere praticità alle pratiche di archiviazione dei capi d’abbigliamento nel pieno rispetto dell’ambiente.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply