Novità ecologica: The Breath, il tessuto antismog in grado di purificare l’aria

Novità ecologica: The Breath, il tessuto antismog in grado di purificare l’aria

L’hanno chiamato “The Breath”, letteralmente “Il Respiro” e a prima vista sembra un semplice tessuto con il quale si realizzano magnifici quadri, cartelloni pubblicitari e stampe di design con le quali arredare gli spazi interni, ma in realtà è un rivoluzionario prodotto antismog, un tessuto che “respira”.

Quadri, stampe e cartelloni realizzati con “The Breath2 respirano, ovvero si comportano come fanno i nostri polmoni, assorbendo l’aria inquinata e depurandola; si tratta di un’invenzione davvero unica, la prima nel suo genere.

“The Breath” è il risultato del lavoro di una startup italiana, Ecoprogram Group, una realtà che lavora per la realizzazione di soluzioni tecnologiche all’avanguardia a tutela dell’ambiente.

Questo “magico” tessuto è in grado di assorbire e disgregare le particelle inquinanti presenti nell’aria; una tecnologia a ridotto impatto ambientale, progettata per essere utilizzata in maniera davvero semplice sia negli ambienti chiusi che in quello aperti.

“The Breath” sfrutta il naturale movimento dell’aria per purificarla dalle molecole inquinanti; l’aria passando attraverso la trama del tessuto ne esce purificata grazie ad una complessa, e al tempo stesso semplice, tecnologia che sfrutta il lavoro di nano molecole per catturare e disgregare gli inquinanti presenti nell’aria.

Dopo essere passata attraverso “The Breath”, l’aria ne esce più pulita e respirabile; una vera innovazione, un grande passo avanti verso un mondo più pulito, una soluzione per respirare meglio sia in casa che fuori, senza dover far nulla.

Come spiega il fondatore della startup, Gianmarco Cammi: “Volevamo trovare un oggetto che, contestualizzato all’interno della vita quotidiana, potesse funzionare indipendentemente dalla nostra volontà, perché non sempre siamo in grado di percepire l’inquinante. Questi oggetti non discriminano le nostre scelte pratiche e di arredamento. Lui fa il quadro e nel momento in cui incontra lo smog si trasforma in tecnologia. Non ha bisogno di essere acceso o spento”.

Infatti, “The Breath” è stato progettato per sfruttare il naturale ricircolo dell’aria, senza il bisogno di essere alimentato o azionato da fonti energetiche esterne; se collocato su una parete, esattamente come un qualsiasi quadro o pannello decorativo, “The Breath” garantisce performance altamente sostenibili per la durata di un anno, riducendo l’inquinamento di circa il 20%.

Questo innovativo tessuto ecologico è capace di svolgere sia una funzione di mitigazione, limitando la carica batterica dell’aria, nonché polveri e muffe in essa presenti, sia una funzione anti-odore, che avviene purificando l’aria delle varie emissioni moleste.

Ad oggi la startup ha all’attivo due mercati per “The Breath”: pannelli e stampe utilizzabili in ambienti indoor (abitazioni, scuole, uffici e ospedali) e maxi affissioni per gli spazi outdoor (in primis le grandi città).

Questa magnifica tecnologia ecologica è già utilizzata a Milano, Roma e Londra, dove Urban Vision ha scelto “The Breath” per realizzare i propri cartelloni pubblicitari.

“The Breath” ha subito ricevuto il sostegno di personalità eccellenti; Umberto Veronesi, ad esempio, sostiene con convinzione che questo prodotto sia un valido alleato per uno stile di vita più sano, capace di prevenire malattie gravi quali i tumori.

La startup ha ricevuto anche la collaborazione di Legambiente, la quale dichiara di condividere “l’impegno nel combattere l’inquinamento anche nelle abitazioni e nelle postazioni di lavoro”; una vera innovazione, dato che si parla di oggetti che possono essere ubicati comodamente e semplicemente in qualsiasi ambiente e che lavorano da sé, senza alcuna interazione da parte dell’uomo, per abbassare il tasso di inquinamento dell’aria.

“The Breath” si può acquistare online, dove è possibile scegliere tra moltissime personalizzazioni che rendono questo tessuto davvero unico: ecologico e decorativo.

You might also like

SLIDEBAR

Riciclo creativo: 5 modi per riciclare i flaconi dei detersivi

Tra i moltissimi contenitori che tutti noi abbiamo in casa e che una volta svuotati finiscono nella spazzatura, andando così ad aggiungersi alle tonnellate di rifiuti che dovranno entrare nel già saturo sistema di smaltimento, i flaconi dei detersivi sono tra i più comuni e spesso presenti in grandi quantità. Trovare un modo per riutilizzarli significa sgravare i lunghi e costosi processi di smaltimento, con i conseguenti vantaggi in termini di risparmio di denaro, energia e risorse pubbliche. Scopriamo come riciclare i contenitori dei detersivi.

SLIDEBAR

Orti verticali: ultra-tecnologici per il risparmio dell’acqua e fai da te per riciclare oggetti e materiali 

Coltivare un piccolo orto significa contribuire all’economia domestica, nonché essere certi di consumare prodotti privi di additivi e fertilizzanti chimici; inoltre esiste la possibilità di realizzare una struttura fai da te perfetta per le coltivazioni in verticale, piuttosto che di sfruttare le innovative tecnologie esistenti. In questo post troverete alcune soluzioni tecnologiche “verdi”, ideali per chi ha poco spazio piuttosto che poco tempo da dedicare alle proprie colture, grazie alle quali chiunque potrà creare un orto verticale e coltivare le proprie specie di ortaggi preferite nel rispetto dell’ambiente.

Riciclo

Riciclo creativo: come riciclare una camicia

Quando si parla di atteggiamenti eco solidali non si intendono unicamente pratiche costose ed impegnative, ci si riferisce anche, e in special modo, a tutti quei comportamenti quotidiani ed abitudinari che caratterizzano il nostro stile di vita; primo fra tutti il non sprecare nulla. Evitare gli sprechi significa rispettare il nostro ambiente decidendo di non sovra-sfruttarlo, causando  gravissimi danni al Pianeta. Per non sprecare è possibile, ad esempio, riciclare tutti quegli oggetti e materiali che possono avere una seconda funzione; scopriamo come riciclare le camicie.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply