Monselice (Padova) 1 centesimo per rifiuto; ecco come funziona il riciclo incentivante

Monselice (Padova) 1 centesimo per rifiuto; ecco come funziona il riciclo incentivante

Forse non ci farà onore, ma chi lotta per la salvaguardia dell’ambiente non si ferma davanti a niente, e oggi arriva a pagare che ricicla correttamente i propri rifiuti al posto di gettarli via con noncuranza.

Stiamo parlando del cosiddetto “riciclo incentivante”, un progetto su scala nazionale, il primo nel suo genere, che prevede il rimborso di 1 centesimo per ogni bottiglia in Pet, lattina in alluminio e tappo di plastica che l’utente riciclerà attraverso l’utilizzo di un compattatore appositamente progettato.

Questo “riciclatore incentivante”, commercializzato da Eurven, azienda leader in Italia per la ricerca, la progettazione e la produzione di sistemi per la riduzione del volume dei rifiuti, funziona in maniera semplice ed è predisposto per riconoscere all’istante la tipologia di rifiuto che viene introdotta, differenziarlo e ridurre il suo volume sino al 90%.

Il macchinario in questione è in grado di produrre quella che potremmo definire una “eco-balla” pronta per essere avviata al più vicino centro per la raccolta differenziata; in cambio del rifiuto il cittadino virtuoso potrà scegliere, attraverso il touch screen di cui il riciclatore è stato dotato, uno sconto o un coupon da utilizzare in svariati negozi della zona.

Oltre al buono sconto, il riciclatore premierà l’utente con la somma di 1 centesimo per ogni rifiuto correttamente riciclato; grazie all’integrazione con 2Pay, applicazione gratuita per smartphone realizzata da una startup di Padova, il processo sarà reso semplice e funzionale con l’abbattimento totale dei costi di transazione e l’eliminazione del denaro contante.

Grazie alla partnership “Cash for Trash” tra il fornitore del compattatore, Eurven, e la App 2Pay, per ogni bottiglia o lattina che verrà inserita nell’eco-compattatore sarà riconosciuto 1 centesimo da 2Pay, che verrà automaticamente caricato sullo smartphone; basterà scaricare l’applicazione e registrarsi seguendo le indicazioni.

Questo “borsellino elettronico”, che i cittadini virtuosi potranno accumulare nel tempo ad ogni inserimento di rifiuti nell’eco-compattatore, potrà essere utilizzato presso le attività commerciali del luogo che aderiscono al progetto.

L’iniziativa, presentata lo scorso 9 aprile a Monselice in provincia di Padova, è stata fortemente voluta dall’amministrazione comunale della piccola cittadina  che si pone l’obbiettivo di aumentare il numero di rifiuti correttamente avviati al processo di riciclo.

Tutti potranno trarre beneficio da questa iniziativa: l’ambiente, i cittadini e le attività commerciali; un progetto intelligente e al passo coi tempi.

You might also like

Lifestyle

L’Italia dell’eco-innovazione: 34 parchi scientifici tecnologici e più di 2.700 startup

Sembra che il nostro Paese non abbia perso la sua creatività e pare che negli ultimi tempi la stia mettendo, finalmente, anche a servizio dell’ecologia; stiamo parlando delle numerose startup che durante gli ultimi due anni sono più che raddoppiate, e che continuano ad aumentare diventando una vera e propria industria pro ambiente.

Ambiente

Come capire se l’acqua è “buona”

Una delle classiche domande che ci si pone quando si apre il rubinetto di casa è se l’acqua che ne fuoriesce è “buona”; capire se l’acqua che sgorga dalle nostre tubature è adatta ad essere utilizzata non è semplice. Sappiamo che la Legge impone controlli maggiori sull’acqua di rubinetto piuttosto che su quella in bottiglia, ma sappiamo di quali test si tratta e quali criteri deve soddisfare l’acqua per essere considerata “buona”?

SLIDEBAR

Eco-cooler: un sistema per produrre aria condizionata senza elettricità

Un paese molto povero come il Bangladesh, in cui più della metà della popolazione vive in baracche costruite con le lamiere e dove il caldo in estate raggiunge temperature estreme, ha trovato un modo molto ingegnoso di costruire un sistema di condizionamento fai da te usando bottiglie di plastica e cartone. L’idea di un gruppo di impiegati si è ora trasformata in un progetto vero e proprio che tutti, anche a casa, possono realizzare facilmente e in pochi passaggi. Ecco come fare.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply