Minimizzare l’impatto dell’uomo sulla terra: Lauren Singer lo fa e a tutti gli altri non resta che prendere esempio

Minimizzare l’impatto dell’uomo sulla terra: Lauren Singer lo fa e a tutti gli altri non resta che prendere esempio

In una società come quella in cui viviamo oggi, dove tutto è concesso ed esasperato e dove ogni cosa viene portata all’eccesso, c’è chi dice no e vive controtendenza dimostrando amore per la vita e per il nostro meraviglioso Pianeta.

Si tratta di Lauren Singer, un ragazza poco più che ventenne che sta dimostrando come sia veramente possibile ridurre al minimo l’impatto ambientale causato dallo stile di vita.

Lauren vive da alcuni anni consumando lo stretto necessario; la missione di questa giovane donna è quella di ridurre drasticamente il suo impatto nell’ambiente, per salvaguardare l’intero ecosistema.

L’idea le è venuta durante gli anni di studio alla New York University quando, osservando una compagna di corso che arrivava in aula con piatti e bicchieri di plastica, bottigliette, alimenti in busta o in contenitore, andando così a riempire a fine giornata il cestino della spazzatura all’interno della classe.

Lauren ha cominciato a realizzare quanto un solo individuo possa inquinare la Terra, semplicemente a causa di abitudini completamente lontane dall’ecologia.

In seguito è entrata in contatto con una famiglia della California che aveva iniziato a vivere con l’obiettivo di ridurre i propri rifiuti sino quasi ad azzerarli; da allora segue il loro esempio.

Tutti noi potremmo facilmente renderci conto della gravità della situazione globale semplicemente andando a controllare quotidianamente la nostra spazzatura e analizzandone il contenuto; è necessario porsi delle domande dirette: quanti rifiuti produciamo? Quanti potrebbero essere evitati? Che cosa è davvero indispensabile?

La risposta a queste domande è stata data da Lauren in molti modi; questa ragazza compra unicamente abiti usati, fa la spesa nei mercati rionali evitando così alimenti confezionati, non utilizza oggetti usa e getta quali tovaglioli di carta, salviette, piatti e bicchieri di plastica e così via, non compera una bottiglietta di plastica ogni volta che deve comprare dell’acqua ma porta con sé una vecchia bottiglia e la riempie dove capita.

Lauren produce in un mese interno una quantità di rifiuti che può essere contenuta in un vasetto vuoto di marmellata!

Ha iniziato proprio all’università, andando a lezione con il pranzo dentro a vasetti di vetro e acquistando solo lo stretto necessario.

Una volta compresa la reale possibilità di ridurre quasi a zero il suo impatto ambientale, Lauren ha deciso di aprire un blog per poter condividere la sua esperienza e stimolare altre persone a seguire il suo esempio; il nome del blog è “Trash is for tossers”, ovvero “La spazzatura è per gli spreconi”.

Nel caso di Lauren quello che era iniziato quasi per gioco si è trasformato in qualcosa di molto serio, uno stile di vita davvero ammirevole e coscienzioso; il suo blog ha ottenuto milioni di accessi e, visto il seguito, la ragazza ha lanciato su Kickstarter una campagna per produrre e immettere sul mercato una sua personale linea di detersivi biologici: The simply Co, un’azienda che produce un detergente composto da tre soli ingredienti, ovviamente completamente naturali (bicarbonato, sapone di marsiglia e carbonato di sodio).

Lauren è riuscita ha raccogliere oltre 40 mila dollari da finanziatori pri2vati, di cui ben 30 mila nelle prime 48 ore dal lancio della campagna; tra i finanziatori anche alcuni personaggi famosi.

Il dosatore del detersivo è stato disegnato da un’artista di Brooklyn che ha usando solo argilla riciclata, e le magliette a supporto della campagna sono, ovviamente, senza etichetta e di cotone biologico al 100%.

Ciò che è davvero importante, oltre al grande esempio di Lauren, è trovare alternative ecologiche a tutti i prodotti esistenti e diminuire gli sprechi riutilizzando e pensando alle condizione del Pianeta.

Sulla base delle sue convinzioni e sulle vittorie ottenute grazia al suo stile di vita rispettoso dell’ambiente, Lauren ha compilato una sua lista di suggerimenti relativi alle più comuni abitudini di tutti i giorni:

  1. Passare alle borse riutilizzabili
  2. Evitare le bottiglie di plastica
  3. Limitare il consumo dei contenitori in generale
  4. Cambiare tipo di spazzolino da denti, ovvero acquistare uno spazzolino biodegradabile
  5. Dare una possibilità ai vestiti di seconda mano

You might also like

Lifestyle

Come mantenere le mani idratate in modo naturale durante l’inverno

Soprattutto in inverno, la nostra pelle tende a seccarsi e a screpolarsi più facilmente, e in particolare le mani, che sono la parte del corpo più esposta alle intemperie, corrono il rischio di rovinarsi ed invecchiare prematuramente. Occorre idratarle molto e costantemente, e farlo con prodotti naturali vi garantirà risultati migliori.

SLIDEBAR

Referendum sulle trivellazioni: tutto ciò che c’è da sapere per poter votare

Domenica 17 aprile si voterà per il referendum sulle trivellazioni; forse alcuni di noi ancora non hanno ben chiara la situazione e certamente occorre fare il punto della situazione prima del voto. Vediamo, allora, per cosa si vota e come, dove e quando lo si deve fare.

SLIDEBAR

Abiti e accessori sotto accusa: sono inquinati e nocivi per la salute!

Sono sempre più numerose le notizie riguardanti la pericolosità di prodotti commerciali di qualsiasi categoria; dagli alimentari agli oggetti di uso comune, la qualità di ciò che acquistiamo è sempre più spesso messa sotto accusa poiché nociva alla salute. Ad allarmare, oggi, oltre agli effetti di aria, acqua e cibo sul nostro stato di salute, sono anche i vestiti e gli accessori che indossiamo; scopriamo quali sostanze contengono, perché fanno male e quali controlli stanno alla base della loro commercializzazione.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply