Legno riciclato: scegliere in modo giusto rispettando l’ambiente

 

 

Tre buoni motivi per recuperare il legno

Il legno è uno dei materiali più utilizzati, soprattutto dentro casa, ma è anche discretamente impiegato per arredare l’ufficio e gli spazi comuni. È una delle scelte predilette perché è un materiale semplice, versatile e perché dona calore e familiarità, ma forse non tutti sono a conoscenza del fatto che è possibile optare per una qualità di legno riciclata, recuperata attraverso diverse lavorazioni, per evitare eccessivi disboscamenti e per ridurre l’impatto sull’ambiente. Ecco, per esempio, tre buoni motivi che potrebbero convincervi in via definitiva a cambiare rotta e a salvare un albero in più:

  1. Qualsiasi varietà di legno recuperato è più stabile e robusta, dal momento che è stata sottoposta a più fasi di lavorazione.

 

  1. Si presenta, dal punto di vista estetico, unica e ineguagliabile, a seconda del tipo di invecchiamento, dell’esposizione al sole e a seconda dei cambianti climatici subiti.

 

  1. È una scelta consapevole, sostenibile e amica dell’ambiente: impiegare varietà di legno riciclato riduce l’impatto ambientale e il disboscamento.

 

A questi tre fondamentali punti va aggiunta un’importante considerazione. Il legno recuperato ha un costo inferiore rispetto a quello tradizionale, soprattutto nel caso in cui le parti recuperate verranno destinate alla stessa funzione che avevano precedentemente.

Il legno da riciclare può essere raccolto ovunque e anche le nostre abitudini quotidiane sono molto importanti in questo senso. Mobili vecchi, pallet, scarti di lavorazioni e persino le cassette della frutta possono essere impiegate in un’operazione di riciclo presso gli opportuni centri.

Anche i rifiuti ricavati dagli imballaggi possono essere recuperati e sottoposti a trattamenti speciali, che consentono di recuperare materia utile per la realizzazione di blocchi in legno da lavorare in una fase successiva.

La maggior parte del legno riciclato viene poi trasformato in pannelli, adoperati in una seconda fase per la lavorazione di componenti per l’arredo, come sedie, tavoli e armadi e, anche se in misura minore, per la costruzione di pareti divisorie per la casa o pannelli di isolamento.

You might also like

SLIDEBAR

L’ecologia vince: buco dell’ozono in netto miglioramento

L’impatto dell’uomo sull’intero eco sistema è causa di innumerevoli disastri ambientali e di ragionevoli preoccupazioni per il nostro futuro su questo meraviglioso Pianeta. Anche se la situazione non è delle più rosee, una buona notizia rafforza ancora di più l’impegno, tanto doveroso quanto finalmente concretizzato attraverso numerose decisioni ecologiste, verso una maggiore presa di coscienza e un impegno costante nell’assunzione di comportamenti eco friendly: il buco dell’ozono si sta chiudendo!

SLIDEBAR

Ecologia e riciclo: il tetrapak diventa biodegradabile

Parlando di ecologia e rifiuti uno degli aspetti certamente più importanti riguarda la raccolta differenziata; anche se oggi è possibile separando i vari materiali farli entrare nel circuito del riciclo, alcuni restano piuttosto difficili da gestire nel modo corretto. I contenitori in tetrapak, ad esempio, per essere riciclati correttamente devono essere trattati in maniera differente da altri: non è sufficiente, infatti, gettarli nel contenitore della plastica, ma è necessario separare le varie parti di cui sono composti; da oggi potrà essere molto più semplice, e soprattutto più ecologico, grazie al tetrapak del futuro. Vediamo di cosa si tratta.

SLIDEBAR

10 modi per riciclare i vasetti degli omogeneizzati

Abbiamo parlato più volte dell’importanza di riciclare oggetti e materiali al fine di alleggerire il sistema di smaltimento dei rifiuti, e di come questa abitudine rappresenti un ottimo modo per creare qualcosa di originale partendo da ciò che altrimenti finirebbe nella spazzatura. Tra i moltissimi oggetti facili da riutilizzare in maniera creativa ci sono anche i vasetti degli omogeneizzati; scopriamo 10 modi per riciclarli.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply