Le 5 fonti di energia rinnovabile più insolite e bizzarre/2

 

energia-rinnovabile1-1200x750

3. Marciapiedi in grado di generare elettricità

Alcune aziende particolarmente innovative nel settore della tecnologia hanno messo a punto un’idea alquanto originale, che prevede la generazione di “pizoelettricità” in tutta l’estensione delle nostre città. La pizoelettricità, infatti, viene generata tramite la pressione, e il peso di qualcuno che cammina sul marciapiede potrebbe, teoricamente, trasformarsi in energia tramite un apposito apparato. Naturalmente l’energia prodotta non sarebbe molta, ma se moltiplicata per le centinaia di migliaia di persone che ogni giorno percorrono i marciapiedi in lungo e in largo per tutta la città, potrebbe trasformarsi in un quantitativo interessante.

La stessa tecnica potrebbe essere applicata anche ai club sportivi, agli uffici e alle case… le applicazioni, infatti, sono praticamente infinite!

 

4. Immagazzinamento di CO2

I clatrati gassosi sono sostanze solide che sembrano ghiaccio, e hanno la struttura di un alveare, dove ogni cella contiene una piccola molecola di gas metano. Attualmente, il gaso metano è il gas maggiormente utilizzato per il riscaldamento, in quanto produce meno disossido di carbonio rispetto agli altri combustibili di origine fossile e ha un impatto ambientale inferiore. Le molecole del clatrati gassosi “preferiscono” formare il loro nucleo con le molecole di CO2, questo vuol dire che gli si pompa dentro della CO2, andrebbero a rilasciare il metano, che potrebbe essere raccolto e riutilizzato. I clatrati gassosi, teoricamente, potrebbero anche essere utilizzati per immagazzinare CO2 piuttosto che riversarla nell’ambiente, riducendo quindi la presenza di una sostanza che contribuisce al riscaldamento globale.

 

5. COSTRUZIONE DI UNA SFERA DI DYSON ATTORNO AL SOLE

Ora siamo saltati a piè pari nel campo della pura fantascienza, ma gli scienziati sperano che forse, un giorno, avremo le tecnologie per trasformare questa teoria in una concreta realtà. Una sfera di Dyson, infatti, è un anello di satelliti solari piazzati in orbita attorno al sole, che collezionerebbero un quantitativo inimmaginabile di energia che potrebbe essere utilizzata per illuminare e alimentare tutto il mondo. Naturalmente, perché i satelliti siano in grado di compiere questo compito dovrebbero essere davvero enormi, e rimarrebbe comunque il problema di come traghettare tutta quella energia immagazzinata sulla Terra in economia di costi.

Anche se si tratta di un’idea apparentemente ridicola ed eccessivamente fantascientifica, è bene ricordare che siamo già in possesso di satelliti in grado di catturare e di riutilizzare l’energia generata dai venti solari, e siamo già al lavoro su tecnologie che utilizzano i laser per trasmettere l’energia nel vuoto pneumatico dello spazio aperto.

 

Mentre alcune di queste idee sembrano pura follia, altre non sono poi così irrealizzabili e, magari, a nostra insaputa, qualcuna è già in fase di sperimentazione!

 

<< TORNA ALLE ALTRE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE

 

You might also like

Risparmio Energetico

Presa elettrica portatile

Una presa elettrica portatile per ricaricare il proprio dispositivo elettronico quando siete fuori casa. È munita di ventosa, si applica a tutte le superfici in vetro e funziona, grazie a un sistema di celle fotovoltaiche al suo interno, a diretto contatto con il sole, che fornisce l’energia necessaria per la carica di computer e cellulari.

Risparmio Energetico

Bonsai a pannelli solari per ricaricare il cellulare

Bonsai moderno dotato di pannelli solari per ricaricare il cellulare. Si presenta come un classico bonsai in miniatura ma, sopra i suoi rami, ospita tanti piccoli pannelli fotovoltaici in grado di assorbire l’energia dal sole e immagazzinarla all’interno della batteria, per offrire a voi di ricaricare il vostro smartphone senza l’ausilio della presa elettrica.

Casa e Giardino

Come risparmiare energia utilizzando il frigorifero

Il frigorifero è forse l’elettrodomestico utilizzato più frequentemente dentro casa. È praticamente impossibile tenere il conto di quante volte, per reale necessità e non, lo apriamo durante l’arco di un’intera giornata. Che dire poi di come lo riempiamo e di quanto stiamo effettivamente attenti all’impianto di refrigerazione? Ebbene, questi sono solo alcuni degli importanti accorgimenti che dovremmo mettere in pratica per risparmiare più energia possibile propria dall’utilizzo di questo elettrodomestico. Ecco allora qualche prezioso consiglio.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply