L’arte del riutilizzo: come trasformare vecchi oggetti in magnifiche nuove fioriere

L’arte del riutilizzo: come trasformare vecchi oggetti in magnifiche nuove fioriere

L’inquinamento ambientale, serio e grandissimo problema che affligge il nostro pianeta a causa dell’incuria dell’uomo, può trovare soluzione unicamente in una doverosa presa di coscienza; partendo dalle abitudini del quotidiano è possibile assumere un atteggiamento ecologico che, se prolungato nel tempo e adottata da tutti, è in grado di dare un contributo importante alla salvaguardia dell’intero ecosistema.

Tutti noi abbiamo il dovere di restituire alla Terra ciò che essa ci ha dato, ovvero la vita, e tutti noi possiamo farlo rispettando l’ambiente partendo proprio dalla quotidianità; è sufficiente guardare per le strade e nei boschi, piuttosto che sulle spiagge del nostro paese, per comprendere la gravità della situazione: rifiuti abbandonati ovunque, magnifici paesaggi naturali deturpati e trasformati in discariche a cielo aperto.

Ognuno di noi può fare qualcosa per migliorare la situazione, partendo da una corretta gestione dei rifiuti; piuttosto che buttare via, e andare così a sovraccaricare un sistema già altamente compromesso come quello della raccolta dei rifiuti, è sempre possibile riutilizzare, dando una nuova vita anche agli oggetti apparentemente inutili, rotti o semplicemente vecchi.

In quest’ottica, la pratica del fai da te offre la soluzione ideale; piccoli e semplici progetti di riutilizzo sono in grado di trasformare un oggetto destinato a finire nella spazzatura in un utilissimo nuovo oggetto che al tempo stesso può diventare altamente decorativo.

Quando si parla di fai da te, uno dei campi di applicazione più adatti è il giardinaggio; riutilizzando un vecchio oggetto è infatti possibile realizzare bellissime fioriere capaci di creare atmosfere suggestive e paesaggi davvero originali.

Una vecchia sedia, un lampadario fuori moda, piuttosto che una scala o delle semplici assi di legno di recupero, sono tutti oggetti che, attraverso semplici lavoretti di fai da te, possono essere trasformati in accattivanti fioriere.

Vasi e fioriere possono essere collocati sia in giardino che su balconi e terrazzi, è possibile utilizzarli per decorare qualsiasi spazio outdoor a patto che siano posizionati in una zona dove le piante ivi contenute ricevano la giusta illuminazione; vediamo alcune idee di fai da te per riutilizzare alcuni oggetti ormai privi di scopo per creare originali contenitori per la nostre piante.

 

Un vecchio lampadario, come quello che vedete nelle immagini, è un oggetto perfetto per essere trasformato in una fioriera; al posto delle lampadine possiamo collocare piccoli vasi all’interno dei quali coltivare piantine verdi o fiorite.

La fioriera così realizzata può essere appesa al soffitto della zone relax del giardino, sia che si tratti di un gazebo che di una veranda; al posto di piccoli vasi si possono riutilizzare vecchie tazze da tè e con una mano di vernice il vecchio lampadario assumerà subito un nuovo e suggestivo aspetto.

Se avete in casa una o più vecchie sedie, che stavate per buttare via per fare spazio al nuovo arredo, sappiate che anche queste, così come un lampadario fuori moda, possono assumere nuove fattezze e diventare magnifiche decorazioni per il giardino.

È possibile riutilizzarle per appoggiare un vaso di fiori, unicamente dipingendole del colore che più ci piace, piuttosto che forare la seduta per inserirvi una fioriera; possono essere appese a parete o posizionate in una qualsiasi zona del giardino, oppure ricoperte di muschio.

Una vecchia scala può facilmente essere trasformata in una utilissima fioriera verticale, ideale sia in casa che fuori, dove poter coltivare molte piante in pochissimo spazio; questa idea è perfetta anche per piccoli ortaggi e frutti.

Infine, se avete in casa alcune assi di legno di recupero, è possibile utilizzarle per realizzare nuove ed accattivanti fioriere partendo da semplici vasi; l’unico limite del fai da te sarà la vostra fantasia, la voglia di sperimentare e soprattutto il desiderio di salvaguardare l’ambiente.

You might also like

Lifestyle

Vestire vegan: per essere fashion anche senza pelle e cuoio

Cuoio, pelle e camoscio sono nemici indiscussi per chi ha deciso di seguire la filosofia vegana, nel rispetto degli animali e delle natura. Il problema si pone però anche nel versante compere e shopping e può diventare ostico anche quando si è alle prese con l’acquisto di una borsa o di un paio di scarpe. Ecco allora qualche consiglio, sui materiali da prediligere e che diventano validi sostituti di pelle e cuoio nel confezionamento di prodotti come indumenti e accessori.

Riciclo

Come e perché riciclare il pluriball

Il pluriball è il materiale da imballaggio più economico e diffuso del mondo; il suo utilizzo come ammortizzante è conosciuto da tutti per la sua indubbia efficacia e il suo aspetto lo rende, da sempre, una sorta di forma di intrattenimento quando, avendolo tra le mani, si comincia a scoppiettare tutte le sue bolle. Ma dopo averle scoppiate tutte, come si ricicla il pluriball?

SLIDEBAR

Nozze eco-sostenibili: arriva Shibuse, la piattaforma web che fornisce servizi e prodotti per matrimoni “verdi”

Gli impegni e le innovazioni a favore dell’ambiente possono e devono essere applicate alle più diverse realtà; ai fini di limitare l’impatto dell’uomo sulla Terra è di primaria importanza non trascurare alcun potenziale comportamento ecologico che può dare, se sommato a tutti gli altri, risultati davvero preziosi. È il caso del “matrimonio ecologico”, un nuovo modo di sposarsi nel rispetto dell’ambiente.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply