La mobilità sostenibile e le innovazioni che hanno segnato il 2015

La mobilità sostenibile e le innovazioni che hanno segnato il 2015

La mobilità sostenibile è un settore in continua evoluzione, e anno dopo anno i traguardi raggiunti sono sempre più straordinari: nell’anno appena trascorso, infatti, abbiamo assistito a un’eccezionale crescita del mercato delle automobili elettriche, ma anche alla nascita di progetti per le due ruote, e di autobus e imbarcazioni sostenibili. Come mai? Perché il livello di smog e di inquinamento sta iniziando a rendere davvero invivibili le nostre città, e la mobilità alternativa potrebbe essere non l’unico, ma in ogni modo un tassello importante nella ricerca di una soluzione definitiva al problema.

Ecco quindi i cinque più curiosi, interessanti progetti di mobilità alternativa e sostenibile a cui abbiamo assistito nel 2015.

1. Traghetto completamente elettrico

Di provenienza Norvegese e chiamato Ampère, il primo battello elettrico al mondo è già in funzione, collegando su base quotidiana due città del fiordo Sognefjord. Le batterie di cui è dotato gli permettono di compiere il tragitto a cui è preposto ben 34 volte al giorno, con un carico di 360 passeggeri e 120 veicoli, e alla velocità di circa 120 nodi. Nato in seguito a un concorso istituito dal Ministero dei Trasporti, è stato realizzato dalla Fjellstrand, che ha vinto il bando grazie al suo design eco-friendly.

2. Una rete di porti sostenibili per una flotta elettrica

In seguito al successo riscosso da Ampère, il governo norvegese ha intenzione di realizzare un’intera flotta di navi elettriche per poter collegare nel modo più sostenibile i suoi fiordi: il programma si chiama Green Coastal Shipping Programme e punta a rendere completamente ecologica, e con alimentazione elettrica o ibrida (batterie o gas naturale) qualsiasi tipo di imbarcazione commerciale, dalle navi da carico a quelle cisterna, dalle navi passeggeri ai container, dai pescherecci, ai traghetti e via dicendo.

3. Australia: l’autobus elettrico da 1.000 km a “pieno”

Una società australiana, la Brighsun, ha messo a punto un innovativo autobus che, grazie a speciali batterie agli ioni di litio ad altissime prestazioni, unite a un sistema di frenata rigenerativa e a un motore elettrico, è in grado di percorrere la bellezza di 1.000 kilometri prima di doversi fermare per ricaricarsi, ossia la distanza esatta che collega le città di Sydney e di Melbourne. Questo autobus è il risultato di oltre 4 anni di ricerche e di studi, e nasce ovviamente per dare una risposta alla domanda, sempre più pressante, di energie pulite per il trasporto pubblico.

4. La bicicletta a idrogeno che percorre 100 km con 30 gr. di gas

Realizzata dal gruppo Linde, uno dei più importanti fornitori di gas industriali del mondo che ha messo a punto oltre 100 stazioni di ricarica in 15 diversi paesi, e chiamata H2, è una bicicletta a idrogeno a pedalata assistita a cui non è stata installata una batteria tradizionale ma una cella a combustibile compatta. Questa cella, applicata al telaio, è in grado di produrre energia combinando l’aria esterna con l’idrogeno presente al suo interno. E la ricarica della bombola si effettua in pochissimi minuti.

5. Immortus, l’automobile a energia solare che può viaggiare per sempre.

È un’auto elettrica che, a differenza delle altre, non ha bisogno di essere periodicamente ricaricata in quanto viene alimentata dai 7 metri quadrati di pannelli fotovoltaici che la ricoprono completamente. Modello a due posti supersportivo e dal taglio un po’ futuristico, questa automobile non ha limite di chilometri percorribili, a patto che il sole stia splendendo. È stata prodotta dalla EVX Ventures di Melbourne.

You might also like

Ambiente

Car sharing: la vera alternativa all’auto di proprietà

Possedere un auto di proprietà, cosa che sembra essere irrinunciabile specialmente nel nostro Paese, significa spendere importanti cifre di denaro, non solo per l’acquisto del veicolo, cui la maggior parte delle persone fa fronte attraverso finanziamenti tutt’altro che vantaggiosi, ma anche per la sua manutenzione,  nonché per il pagamento della tessa di proprietà e dell’assicurazione. In questo quadro acquista sempre maggior consenso il cosiddetto “car sharing”; scopriamo di cosa si tratta nello specifico e quanto convenga come sostituto dell’auto di proprietà.

Ambiente

Allevamento, caccia, pesca: “Ci stiamo mangiando il Pianeta”

Che l’ambiente risponda alle azioni dell’uomo è ormai appurato, e che queste azioni siano state per troppo tempo indifferenti ai bisogni del Pianeta è, purtroppo, un fatto certo; le nostre scelte quotidiane continuano ad influenzare negativamente la risposta ambientale e i danni da esse causati sono sempre più gravi. Lisa Kemmerer, studiosa e professoressa di filosofia delle religioni, afferma, nel suo libro “Mangiare la terra. Etica ambientale e scelte alimentari” che stiamo letteralmente divorando il Pianeta che ci ospita; vediamo quali sono le reali conseguenze delle nostre abitudini alimentari.

SLIDEBAR

Banane e biodiversità: ecco la verità sulla produzione globale

Le regole del mercato globale impongono spesso la diffusione di un unica varietà di uno specifico prodotto naturale in modo tale da avere una produzione standard, di elevate quantità e a prezzi contenuti, durante tutto l’arco dell’anno. Tale sistema può compromettere l’esistenza delle biodiversità e al tempo stesso portare all’indebolimento della tipologia selezionata; è ciò che sta accadendo alle banane comuni, quelle che troviamo da sempre negli scaffali di negozi e supermercati, che sembrano in serio pericolo. 

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply