Inquinamento atmosferico e falsi miti: 5 verità sull’aria che respiriamo

Inquinamento atmosferico e falsi miti: 5 verità sull’aria che respiriamo

Tutti noi veniamo a conoscenza di moltissime notizie ogni giorno, è sufficiente aprire internet, o semplicemente facebook, e non serve più nemmeno acquistare il quotidiano; ma quando si tratta di comprendere realmente informazioni relative a tematiche scientifiche la situazione si complica parecchio.

Sappiamo che l’aria che respiriamo è inquinata, e conosciamo almeno le cause principali di tale inquinamento, ma sono molti gli aspetti scientifici, sociali e storici che influiscono sul reale andamento del fenomeno.

Insomma, a proposito di inquinamento dell’aria è necessario tenere presenti almeno 5 aspetti; vediamo quali.

1.L’aria è meno inquinata oggi che alcuni decenni fa; ebbene si, oggi con l’avvento delle caldaie a condensazione, l’avanzamento delle tecnologie per la produzione industriale e la nascita delle vetture a ridotto impatto ambientale, l’inquinamento nell’aria è in deciso calo.

2.Negli ultimi anni si è assistito al passaggio dalle stufe a metano o Gpl a quelle a pellet; questo, che agli occhi di molti potrebbe sembrare positivo per l’ambiente, è in realtà un passo verso un maggiore inquinamento dell’aria; le palline di legna, infatti, sono un ottimo combustibile e molto meno costoso, e anche a minore emissione di CO2, ma quello che pochi sanno è che i pellet sono ad altissimo impatto di emissioni di Pm10.

Per chiarire le idee sui reali effetti della combustione dei pellet, diciamo soltanto che una singola stufa a pellet, nella peggiore delle ipotesi, ovvero se di qualità mediocre e con scarsa manutenzione e se alimentata con combustibili non selezionati, emette polveri fini in quantità pari a quelle emesse da oltre cento caldaie a metano ad alta efficienza.

3.La principale causa dell’inquinamento dell’aria è rappresentata da agricoltura e allevamento; proprio ciò che dovrebbe essere naturale è invece la principale causa delle pericolosissime emissioni di Pm10. Gli allevamenti intensivi, il letame ivi prodotto e i concimi chimici rappresentano, infatti, una parte importante dell’inquinamento dell’aria.

4.Anche se si tende sempre a pensare che l’aria delle città sia più sporca di quella delle province i dati spiegano altro: tra le maggiori città del nord Italia soltanto il 35% delle polveri sottili viene liberato dalle grandi città, oltre il 60% vi arriva dall’hinterland e dalle campagne circostanti.

5.Blocchi del traffico, targhe alterne, limitazioni orarie, tutte queste manovre sono completamente inutili ai fini di abbassare i livelli di Pm10 dell’aria; l’unica reale soluzione è rappresentata dalle piogge e dai venti.

Nella pianura padana, ad esempio, caratterizzata da assenza di venti e scarse precipitazioni invernali, l’aria, nelle belle giornate, sarebbe molto inquinata anche se si spegnessero tutte le fabbriche, le caldaie, i camini e le automobili.

You might also like

Ambiente

Romania ecologica con il ponte realizzato attraverso il riciclo

Sappiamo bene come, attraverso il riciclo, sia possibile creare fantastici oggetti di grande utilità, ma non è tutto qui! E a dimostrarcelo è un’opera di grande valore ingegneristico ed ecologico: un ponte costruito interamente utilizzando rifiuti e, in particolare, bottiglie di plastica.

SLIDEBAR

Giardinaggio spaziale: fiori e lattuga crescono in orbita

Mentre l’ambiente terrestre rischia di danneggiarsi irreparabilmente a causa del sovra sfruttamento dell’uomo e delle sue pessime abitudini di vita, alcuni ricercatori hanno sviluppato un metodo per coltivare piante ornamentali ed ortaggi nello spazio; stiamo parlando del primo esperimento di quello che può essere definito “giardinaggio spaziale”, scopriamo di cosa si tratta.

News

Nespresso: disastro ecologico in capsula

Uno dei prodotti più pubblicizzati ad avere conquistato il mercato globale in pochissimo tempo, oggi conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo, sembra essere anche il “colpevole” di un disastro ambientale; stiamo parlando della Nespresso, o meglio delle sue comode, colorate ed invianti cialde, con cui ogni giorno vengono preparati decine di milioni di caffè.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply