Inquinamento ambientale: ecco come i rifiuti abbandonati minacciano la sopravvivenza degli animali selvatici

Inquinamento ambientale: ecco come i rifiuti abbandonati minacciano la sopravvivenza degli animali selvatici

Sono sempre più ravvicinate le tristi notizie di specie animali a rischio di estinzione, di habitat naturali seriamente compromessi a causa dell’inquinamento ambientale in tutte le sue forme, e in particolare dell’abbandono dei rifiuti.

L’unico modo che abbiamo per porre rimedio alla situazione attuale e creare un futuro migliore per l’ambiente, e quindi per l’uomo, è quello di assumere sani e doverosi atteggiamenti ecologici, iniziando, ad esempio, dalla raccolta differenziata.

È nostro dovere limitare al minimo l’impatto ambientale dei rifiuti, evitando di gettare via oggetti e materiali ancora utilizzabili e, soprattutto, non facendolo in maniera sconsiderata e incivile, ad esempio abbandonando i nostri rifiuti al posto di inserirli nel ciclo della raccolta differenziata.

Chris Packham, naturalista e presentatore televisivo britannico, ha mostrato al mondo una serie di scatti, commissionategli da Lidl UK, che provano la grave situazione causata dall’abbandono dei rifiuti, ai fini di sensibilizzare la popolazione verso quella che è una realtà sempre più critica e di difficile gestione.

L’impegno di Lidl UK per la salvaguardia dell’ambiente è ammirevole e continuo; la catena europea di supermercati, infatti, donerà nell’arco del prossimo anno ben 500mila sterline alla Keep Britain Tidy, un ente di beneficenza indipendente, che da oltre 60 anni lavora per l’ambiente attraverso numerose campagne attive in Inghilterra, Scozia e Galles, che hanno l’obiettivo di contrastare la “cultura dello spreco” promuovendo iniziative e programmi di pulizia di parchi, spiagge e altre zone naturali contaminate dai rifiuti.

Il denaro che Lidl UK donerà all’associazione sarà il ricavato della vendita di sacchetti monouso, e come afferma Ronny Gottschlich, direttore esecutivo dell’azienda, rappresenta solo un primo passo verso il raggiungimento dell’obiettivo a lungo termine che Lidl si pone di proteggere il patrimonio naturale del paese.

Grazie a tale donazione, Keep Britain Tidy potrà finanziare il programma Eco-Schools, che sarà attivo nelle scuole con l’obiettivo di guidare i giovani in un percorso verso la sostenibilità, coinvolgendoli nella lotta contro la dispersione dei rifiuti.

In occasione di questa interessante iniziativa, lanciata presso la Royal Geographical Society di Londra,  il fotografo naturalistico Chris Packham ha esposto una serie di bellissime quanto eloquenti immagini che sono in grado di mostrare, meglio di mille parole, il reale e drammatico impatto che l’abbandono dei rifiuti ha sulla salute della fauna selvatica e sull’intero ambiente naturale.

L’intervento di Packham è stato molto significativo; in quanto fotografo e scrittore, ma anche presentatore di programmi televisivi sulla natura, egli ha potuto osservare nel tempo i terribili effetti dell’abbandono dei rifiuti.

Durante la presentazione Packham ha portato ad esempio, oltre alle scioccanti immagini, anche la storia di una tartaruga liuto morta a causa dell’accidentale ingestione di sacchetti di plastica, che il povero animale ha erroneamente scambiato per meduse.

Queste immagini dovrebbero farci riflettere seriamente sulla necessità di assumere comportamenti eco solidali al fine di rimediare, per quanto possibile, a tutti gli errori commessi sino ad oggi.

You might also like

News

Inquinamento ambientale: 5 isole cancellate dall’atlante a causa dei cambiamenti climatici

I danni causati dall’inquinamento sono sempre più devastanti e in alcuni casi ormai irrimediabili; da razze animali e specie vegetali ormai per sempre estinte a causa dell’impatto ambientale dell’uomo sulla Terra, a intere isole scomparse per via dei cambiamenti climatici.

SLIDEBAR

Come realizzare un terrario pensile con due cinture

In poche, semplici mosse e con una spesa davvero limitata potrete realizzare un terrario per Tillanzia da appendere in casa: una soluzione ecologica per riciclare oggetti che altrimenti sarebbero finiti nella spazzatura, e allo stesso tempo decorare casa con gusto, e con un pizzico di naturalità, che non guasta mai.

Lifestyle

Shopper di plastica: più della metà sono fuori legge

Anche se ormai da anni la legge ha messo al bando tutti i sacchetti di plastica che supermercati e punti vendita della Grande Distribuzione mettevano a disposizione dei clienti, da una nuova indagine di Legambiente emerge un dato preoccupante: più della metà degli shopper non risultano a norma.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply