Impariamo a comprare sfuso

Impariamo a comprare sfuso

Ci sono alimenti e prodotti per la casa che possiamo imparare a comprare sfusi. Seppur qualcosa sembra muoversi, ad oggi non è una prassi utilizzata in Italia, al contrario dei paesi europei nordici, in quanto non esiste ancora una coscienza ecologica che spinga le persone a rivolgersi a questo tipo di negozio. Oltretutto, la presenza di punti vendita di prodotti sfusi, è ancora molto limitata, rendendo quindi difficoltosa la possibilità di provare questo sistema d’acquisto, per tutte le persone che ne sentissero l’esigenza.

Ma, con l’evidente e oramai noto problema dei rifiuti, dovremmo tutti sforzarci di provare ad adottare questo metodo. Basterebbe solamente un po’ di organizzazione e praticità, ad esempio comprando appositi contenitori per tutti quei beni vendibili “alla spina”.

I prodotti acquistabili sono molteplici, dal cibo secco, al vino, dai detersivi per casa all’acqua. I vantaggi sono sotto molti punti di vista. Per il consumatore finale sicuramente i benefici sono maggior igiene e sicurezza, con la possibilità di poter vedere costantemente qualità ed integrità del prodotto, sensibile riduzione degli imballaggi da dover smaltire e, non ultimo in ordine di importanza, la comodità e libertà di poter acquistare le quantità desiderate. Per il negoziante i vantaggi si traducono in margine di guadagno più elevato, maggiore rotazione delle merci ed incremento delle vendite di più prodotti in minor spazio.

Quello che ci interessa più da vicino, però, sono i vantaggi che potrebbero derivare per l’ambiente dall’adozione massiva di questo sistema di vendita. Ovviamente, trattandosi di prodotti sfusi, i benefici sono quelli di non dover produrre il packaging, con un evidente risparmio di utilizzo dei materiali, che spesso sono plastica, carta o alluminio. Infine si riducono sensibilmente anche i costi di spedizione, trattandosi di filiera corta, con evidente diminuzione di materiale da trasportare.

Quindi sta a noi cercare di cambiare le nostre abitudini, provando anche a sensibilizzare amici e parenti, in modo che tale pratica di acquisto diventi prassi comune. Trovate il punto vendita più vicino a casa vostra, ricordandovi di portare con voi gli appositi contenitori e vedrete che poi non è così complicato come si possa pensare. Se vogliamo cambiare il mondo e renderlo sostenibile, dobbiamo sicuramente ed inevitabilmente iniziare a cambiare anche i nostri gesti quotidiani.

You might also like

Riciclo

Vestire vegan: per essere fashion anche senza pelle e cuoio

Cuoio, pelle e camoscio sono nemici indiscussi per chi ha deciso di seguire la filosofia vegana, nel rispetto degli animali e delle natura. Il problema si pone però anche nel versante compere e shopping e può diventare ostico anche quando si è alle prese con l’acquisto di una borsa o di un paio di scarpe. Ecco allora qualche consiglio, sui materiali da prediligere e che diventano validi sostituti di pelle e cuoio nel confezionamento di prodotti come indumenti e accessori.

SLIDEBAR

L’ecologia vince: buco dell’ozono in netto miglioramento

L’impatto dell’uomo sull’intero eco sistema è causa di innumerevoli disastri ambientali e di ragionevoli preoccupazioni per il nostro futuro su questo meraviglioso Pianeta. Anche se la situazione non è delle più rosee, una buona notizia rafforza ancora di più l’impegno, tanto doveroso quanto finalmente concretizzato attraverso numerose decisioni ecologiste, verso una maggiore presa di coscienza e un impegno costante nell’assunzione di comportamenti eco friendly: il buco dell’ozono si sta chiudendo!

Lifestyle

Imparare a riciclare per vivere più verde

La pratica del riciclo è il primo e più importante passo verso la salvaguardia dell’ambiente; esistono però diversi passaggi da prendere in considerazione prima, durante e dopo il riciclo. Scopriamo nel dettaglio tutte le valutazioni necessarie da fare.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply