Google per l’ambiente: uno studio per ridurre il consumo energetico dei data center

Google per l’ambiente: uno studio per ridurre il consumo energetico dei data center

Se da un lato il nostro stile di vita sembra essere notevolmente migliorato grazie alle nuove tecnologie, dall’altro la risposta dell’ambiente ci dimostra quanto troppo spesso l’uomo continui a pensare esclusivamente in termini egoistici, dimenticandosi della salute del Pianeta.

Ad oggi il consumo energetico, tra gli altri fattori, è uno dei principali responsabili dell’inquinamento ambientale causato dall’impatto dell’uomo sulla Terra; ridurre il consumo di energia è doveroso per il benessere del nostro Pianeta e Google ci vuole provare.

Ebbene sì, proprio Google, il famoso motore di ricerca, parte attiva delle nuove tecnologie che caratterizzano il mondo digitale, ha preso posizione in merito al problema dell’abuso di energia ed ha commissionato uno studio atto alla riduzione del consumo energetico dei propri centri di elaborazione dati presenti in ogni parte del mondo.

Lo studio, commissionato all’Università di Udine, è stato finanziato da Google per ben 100 mila dollari e durerà un anno e mezzo.

La ricerca sarà condotta da Stefano Saggini, docente di elettronica del Dipartimento Politecnico di ingegneria e architettura, con la collaborazione di Mario Ursino e Roberto Rizzolatti, dottorandi di ricerca in Ingegneria dell’informazione e laureati in Ingegneria elettronica a Udine, e del tecnico del dipartimento Fabiano Zaninotto.

Come afferma Saggini:”Si parla spesso di social network, internet of things e cloud computing ma senza considerare che i servizi informatici hanno dei costi in termini energetici e quindi economici e ambientali. In pratica, i computer aumentano negli spazi dei data center, ed è necessario spendere energia per raffreddarli. Il nostro lavoro studia come ridurre il consumo energetico e quindi l’impatto ambientale e la “bolletta energetica” dei data center, a partire dalla messa a punto di sistemi più efficienti di alimentazione dei processori dei grandi server“.

You might also like

News

Berlino: frutta e verdura dell’orto direttamente nei supermercati

Quante volte dopo aver acquistato frutta e verdura al supermercato ci rendiamo conto, consumandola, che il suo sapore, piuttosto che la consistenza o la durata, è davvero pessima? Purtroppo la coltivazione massiccia, quella destinata a produrre enormi quantità a basso costo, troppo spesso porta sulle nostre tavole prodotti di scarsa qualità, e in alcuni casi anche nocivi per la salute. Ecco la soluzione proposta, e già sperimentata, da alcuni giovani di Berlino.

SLIDEBAR

Car sharing: la vera alternativa all’auto di proprietà

Possedere un auto di proprietà, cosa che sembra essere irrinunciabile specialmente nel nostro Paese, significa spendere importanti cifre di denaro, non solo per l’acquisto del veicolo, cui la maggior parte delle persone fa fronte attraverso finanziamenti tutt’altro che vantaggiosi, ma anche per la sua manutenzione,  nonché per il pagamento della tessa di proprietà e dell’assicurazione. In questo quadro acquista sempre maggior consenso il cosiddetto “car sharing”; scopriamo di cosa si tratta nello specifico e quanto convenga come sostituto dell’auto di proprietà.

Ambiente

Ecologia e riciclo: il tetrapak diventa biodegradabile

Parlando di ecologia e rifiuti uno degli aspetti certamente più importanti riguarda la raccolta differenziata; anche se oggi è possibile separando i vari materiali farli entrare nel circuito del riciclo, alcuni restano piuttosto difficili da gestire nel modo corretto. I contenitori in tetrapak, ad esempio, per essere riciclati correttamente devono essere trattati in maniera differente da altri: non è sufficiente, infatti, gettarli nel contenitore della plastica, ma è necessario separare le varie parti di cui sono composti; da oggi potrà essere molto più semplice, e soprattutto più ecologico, grazie al tetrapak del futuro. Vediamo di cosa si tratta.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply