Google per l’ambiente: uno studio per ridurre il consumo energetico dei data center

Google per l’ambiente: uno studio per ridurre il consumo energetico dei data center

Se da un lato il nostro stile di vita sembra essere notevolmente migliorato grazie alle nuove tecnologie, dall’altro la risposta dell’ambiente ci dimostra quanto troppo spesso l’uomo continui a pensare esclusivamente in termini egoistici, dimenticandosi della salute del Pianeta.

Ad oggi il consumo energetico, tra gli altri fattori, è uno dei principali responsabili dell’inquinamento ambientale causato dall’impatto dell’uomo sulla Terra; ridurre il consumo di energia è doveroso per il benessere del nostro Pianeta e Google ci vuole provare.

Ebbene sì, proprio Google, il famoso motore di ricerca, parte attiva delle nuove tecnologie che caratterizzano il mondo digitale, ha preso posizione in merito al problema dell’abuso di energia ed ha commissionato uno studio atto alla riduzione del consumo energetico dei propri centri di elaborazione dati presenti in ogni parte del mondo.

Lo studio, commissionato all’Università di Udine, è stato finanziato da Google per ben 100 mila dollari e durerà un anno e mezzo.

La ricerca sarà condotta da Stefano Saggini, docente di elettronica del Dipartimento Politecnico di ingegneria e architettura, con la collaborazione di Mario Ursino e Roberto Rizzolatti, dottorandi di ricerca in Ingegneria dell’informazione e laureati in Ingegneria elettronica a Udine, e del tecnico del dipartimento Fabiano Zaninotto.

Come afferma Saggini:”Si parla spesso di social network, internet of things e cloud computing ma senza considerare che i servizi informatici hanno dei costi in termini energetici e quindi economici e ambientali. In pratica, i computer aumentano negli spazi dei data center, ed è necessario spendere energia per raffreddarli. Il nostro lavoro studia come ridurre il consumo energetico e quindi l’impatto ambientale e la “bolletta energetica” dei data center, a partire dalla messa a punto di sistemi più efficienti di alimentazione dei processori dei grandi server“.

You might also like

SLIDEBAR

L’Italia dell’eco-innovazione: 34 parchi scientifici tecnologici e più di 2.700 startup

Sembra che il nostro Paese non abbia perso la sua creatività e pare che negli ultimi tempi la stia mettendo, finalmente, anche a servizio dell’ecologia; stiamo parlando delle numerose startup che durante gli ultimi due anni sono più che raddoppiate, e che continuano ad aumentare diventando una vera e propria industria pro ambiente.

SLIDEBAR

Riciclo creativo: 5 modi per riciclare i flaconi dei detersivi

Tra i moltissimi contenitori che tutti noi abbiamo in casa e che una volta svuotati finiscono nella spazzatura, andando così ad aggiungersi alle tonnellate di rifiuti che dovranno entrare nel già saturo sistema di smaltimento, i flaconi dei detersivi sono tra i più comuni e spesso presenti in grandi quantità. Trovare un modo per riutilizzarli significa sgravare i lunghi e costosi processi di smaltimento, con i conseguenti vantaggi in termini di risparmio di denaro, energia e risorse pubbliche. Scopriamo come riciclare i contenitori dei detersivi.

SLIDEBAR

Riciclo creativo: come riutilizzare gli pneumatici fuori uso per creare magnifici “animali da giardino”

Tra gli oggetti più difficili da smaltire, gli pneumatici fuori uso sono purtroppo molto spesso abbandonati, in mare e sulla terra ferma, causando gravissimi danni ambientali. Tutti coloro che possiedono un auto sanno bene che le gomme vanno periodicamente sostituite e che in alcuni casi quelle usurate restano accatastate in qualche angolo del garage in attesa di essere smaltite. Un ottimo modo per andare incontro alle esigenze del pianeta è essere in grado di riutilizzare oggetti e materiali invece che buttarli via; scopriamo come riciclare i vecchi pneumatici per creare fantastiche decorazioni.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply