Giappone: nasce il quotidiano “verde”, interamente realizzato con “carta piantabile”

Giappone: nasce il quotidiano “verde”, interamente realizzato con “carta piantabile”

Non poteva che arrivare dalla terra del Sol levante, che si conferma ancora una volta come paese all’avanguardia, un’invenzione assolutamente unica e che si spera sarà di esempio per altri Paesi; si tratta del primo quotidiano totalmente eco-sostenibile.

Stiamo parlando del “Green Newspaper”, uno dei più noti quotidiani giapponesi, realizzato con carta al cento per cento riciclata e vegetale. Ma l’innovazione vera non è questa, è infatti, rappresentata dal fatto che una volta letto, questo quotidiano, invece che essere buttato o, nella migliore delle ipotesi, riutilizzato, può essere piantato!

Il “Green Newspaper”, proprietà dell’editore della nota testata nipponica “The Mainichi Shimbunsha”, è realizzato con quella che viene definita “carta piantabile”, che di per sé non è una novità; infatti è già presente sul mercato dal qualche anno.

La “carta piantabile” è una miscela di carta riciclata, acqua e semenze di fiori o piante aromatiche; la grossa particolarità di questa carta è proprio il fatto di poter essere riutilizzata in maniera creativa. Dopo aver fruito della “carta piantabile” si può, infatti, sminuzzarla e piantarla in vaso o nel giardino di casa, ottenendo così una pianta fiorita, piuttosto che una specie aromatica, semplicemente annaffiandola come si farebbe con qualsiasi altro seme.

L’originale ed ecologica idea si deve al consulente pubblicitario della Denstu Inc., una delle maggiori agenzie di comunicazione del Giappone, la quale ha già dato prova nel passato di una mentalità volta alla tutela dell’ambiente. L’agenzia nipponica ha dichiarato, durante una campagna pubblicitaria a favore delle donazioni di acqua alle popolazioni che devono affrontare la sete, di agire ai fini di risolvere questioni di importanza globale e non unicamente attraverso l’informazione.

Il quotidiano “verde” ha riscosso un grandissimo successo, raggiungendo rapidamente una tiratura di oltre 4milioni di copie al giorno in tutto il Giappone, con un guadagno di ben ottanta milioni di yen, somma che corrisponde ad oltre 600mila euro.

Questa bellissima iniziativa ecologica è stata portata anche nelle scuole del Paese per sensibilizzare i bambini sulla necessità di agire concretamente a favore delle esigenze ambientali.

Per limitare l’impatto dell’uomo sulla Terra è di primaria importanza concentrarsi sul riciclo dei materiali; in questo senso è necessario dare priorità al riutilizzo della carta, ai fini di ridurre le dannose emissioni di CO2 che sono causate in gran parte proprio dai tradizionali sistemi di smaltimento.

You might also like

SLIDEBAR

Dormire con i nostri amici a 4 zampe? Uno studio dimostra che fa bene al sonno.

Finalmente una nota positiva in un argomento molto dibattuto, e che sta particolarmente a cuore dei proprietari di animali: una clinica specializzata nella medicina del sonno ha finalmente dichiarato che dormire con i propri animale farebbe bene alla qualità del sonno

Ambiente

Inquinamento atmosferico e falsi miti: 5 verità sull’aria che respiriamo

L’aria che respiriamo è inquinata, moltissimi disturbi e malattie vengono aggravate se non causate dal forte inquinamento atmosferico che caratterizza la nostra epoca; questo è ciò che sappiamo, ciò che sentiamo continuamente dire e che leggiamo sovente un po’ ovunque, ma cosa conosciamo davvero della reale situazione e delle reali condizione dell’aria? Sfatiamo qualche mito e cerchiamo di comprendere alcune verità essenziali.

SLIDEBAR

Come capire se l’acqua è “buona”

Una delle classiche domande che ci si pone quando si apre il rubinetto di casa è se l’acqua che ne fuoriesce è “buona”; capire se l’acqua che sgorga dalle nostre tubature è adatta ad essere utilizzata non è semplice. Sappiamo che la Legge impone controlli maggiori sull’acqua di rubinetto piuttosto che su quella in bottiglia, ma sappiamo di quali test si tratta e quali criteri deve soddisfare l’acqua per essere considerata “buona”?

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply