Droplet: un robot intelligente per annaffiare… senza sprechi!

Droplet: un robot intelligente per annaffiare… senza sprechi!

Una cosa di cui proprio non si può fare a meno, soprattutto durante la bella stagione, per avere un giardino sempre curato e sano, è una costante ed ottimale irrigazione. Molto spesso però irrigare il giardino, specialmente se si tratta di ampie metrature, diventa un vero e proprio lavoro, ci sono infatti momenti e tempistiche da rispettare, per evitare che l’acqua dannaggi il prato invece che essergli utile, e non meno importante l’irrigazione comporta un grande utilizzo di acqua, che spesso, se non gestita ad hoc per ogni spazio, diventa anche un grande spreco. In aggiunta troppa acqua non è affatto salutare né per il prato né per molte specie di piante, esattamente come non lo è la siccità.

L’acqua è un bene prezioso e sprecarla al giorno d’oggi è davvero inconcepibile; viviamo in una società che per troppo tempo ha mal gestito le risorse naturali del nostro pianeta, ed abituarsi a comportamenti eco-friendly è assolutamente necessario se non vogliamo che i nostri figli si ritrovino a vivere con problemi ben più grandi dei nostri.

In merito all’irrigazione di giardini privati la salvaguardia dell’ambiente può essere adottata partendo da semplici e piccoli accorgimenti, ad esempio evitando l’utilizzo di irrigatori a flusso libero, che sfruttano una considerevole quantità di acqua, molto spesso inutile per vedere i nostri fiori sbocciare e il nostro manto erboso verde e sano.

Oggi anche la tecnologia ci viene incontro, con un’innovazione davvero utile: un piccolo robot in grado di irrigare il giardino al nostro posto, nel modo migliore per le nostre piante e, al contempo, per il nostro pianeta. Si chiama Droplet (letteralmente “gocciolina”),ed è stato progettato e già immesso sul mercato negli USA, e presto arriverà anche da noi.

Droplet è il primo sistema di irrigazione intelligente al mondo, che unisce le tecnologie più avanzate nel campo della robotica, del cloud computing e dei servizi connessi, per trasformare letteralmente il funzionamento dei sistemi d’irrigazione. Droplet mantiene le vostre piante sane senza sprecare acqua utilizzando un vasto sistema di dati incrociati, per determinare in maniera intelligente il modo migliore per curare il giardino; questo piccolo robot riduce il consumo di acqua del 90%, riducendo così notevolmente anche le spese famigliari.

Secondo le società che si dedicano alla stima dell’uso di acqua, gli irrigatori sprecano ad oggi circa il 56% dell’acqua che utilizzano, si tratta di uno spreco costante di risorse naturali e di denaro, che per essere eliminato, o meglio gestito, deve avvalersi di un sistema studiato ad hoc per dare acqua solo quando e dove serve veramente; questo è Droplet.

Droplet è facilmente configurabile tramite smartphone, tablet o laptop sul sito Droplet, dando agli utenti il controllo completo del loro sistema ovunque si trovino.

L’intero processo può essere impostato in cinque minuti; una volta collegato il robot al vostro tubo dell’acqua e allo smartphone, si accede a SmartDroplet.com e si dice al sistema dove si trovano le piante da irrigare e di che specie di piante si tratta. Il sistema intelligente è direttamente collegato anche a oltre 10.000 dati di stazioni meteo (cloud-connected WiFi-enabled), in tempo reale, in modo da facilitare lo sfruttamento delle acque piovane senza intaccare il consumo di quelle domestiche.

Che dobbiate irrigare il manto erboso, gli alberi o le piante in vaso, non importa, Droplet è studiato appositamente per le diverse esigenze e gestisce ogni tipo di impianto in maniera differenziata. I prati vengono irrigati riga per riga, nello stesso modo in cui un contadino ara il campo, e gli alberi sono innaffiati tramite gocciolamento solo intorno al tronco.

Utilizzando Droplet riuscirete inoltre ad irrigare il vostro giardino senza creare scomode e potenzialmente dannose pozze di acqua ristagnante, senza inzuppare i marciapiedi o il vialetto, oppure bagnare e rovinare i vostri mobili da giardino o qualsiasi altra cosa che non sia una pianta.

You might also like

News

I danni dell’inquinamento

Il problema dell’inquinamento è una seria questione che affligge le più grandi città del pianeta. Lo smog provoca numerosi danni alla salute delle persone, all’ambiente e alla natura e gli unici, ma fondamentali e indispensabili, accorgimenti che l’uomo può mettere i pratica sono quelli di ridurre le emissioni provocate da automobili, fabbriche e centrali elettriche, puntando su modelli più sostenibili e rispettosi dell’ambiente.

SLIDEBAR

Glifosato: una sostanza potenzialmente cancerogena, ma non ancora bandita

Tra le numerose sostanze tossiche che si trovano negli alimenti commercializzati e in moltissimi oggetti di uso comune, ne esistono alcune di cui spesso ignoriamo l’esistenza, ma la cui pericolosità è assolutamente reale. Un esempio di ciò è il glifosato, un diserbante presente in molti cibi, bevande e non solo; scopriamo di cosa si tratta e perché questa sostanza non è stata ancora vietata.

Ambiente

Il futuro della mobilità: nel 2050 un vicolo su cinque sarà alimentato a idrogeno

Entro il 2050 più di 8 milioni di veicoli saranno alimentati a idrogeno. Una bella previsione e, se la stima dovesse risultare esatta, un ottimo traguardo per abbattere l’inquinamento e puntare su fonti di combustibile alternative. Come sarà possibile tutto questo? Grazie a una forte collaborazione tra pubblico e privato e a un piano nazionale per la mobilità che segue attentamente le direttive dell’Unione Europea.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply