Dieta vegetariana: solo pro, per noi e per l’ambiente

Dieta vegetariana: solo pro, per noi e per l’ambiente

Come ben sappiamo, e come ormai dobbiamo accettare avendone prove scientifiche derivanti da innumerevoli studi di settore, l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale sul nostro stato di salute generale.

La nostra società, con la massiva industrializzazione e il consumismo sfrenato, ci ha portati sulla strada sbagliata anche in merito al cibo di cui ci nutriamo, troppo spesso lasciandoci poca scelta in merito ai prodotti provenienti della grande vendita ed abituandoci a consumare alimenti tutt’altro che sani.

Purtroppo alla base dell’agricoltura e dell’allevamento “industrializzato” si trova la necessità, per qualcuno, di produrre grandi quantità a prezzi modesti, con il risultato che ci si trova ad acquistare unicamente i prodotti (frutta, verdura, carni) provenienti dal mercato globale, ovvero varietà selezionate dal mercato stesso e delle quali spesso non conosciamo la provenienza né, tanto meno, le caratteristiche del ciclo produttivo.

Come fare, allora, a tutelare la nostra salute? Quali prodotti dobbiamo scegliere per garantirci un futuro lungo e sano?

Insieme al grande problema legato al consumo di carne, argomento più che mai discusso nell’ultimo periodo, si parla sempre più spesso della cosiddetta dieta vegetariana, che risulta essere sempre più popolare e condivisa da molti.

Ebbene, sembra che passare ad una alimentazione vegetariana rappresenti un ottimo modo per assicurarsi uno buono stato di salute per un periodo più lungo; inoltre, evitando il consumo di carne si potrebbe fare qualcosa di concreto ed importantissimo anche per il benessere del Pianeta.

Una forte affermazione in merito ci arriva dall’università di Oxford, la quale spiega che se l’intera popolazione mondiale scegliesse una dieta vegetariana si potrebbe evitare un numero enorme di decessi; stiamo parlando di oltre 7,3 milioni di morti entro il 2050.

<<< forse ti interessa anche Stop al consumo di carne>>>

Ebbene si, se il mondo intero decidesse di alimentarsi escludendo i prodotti di origine animale, nello specifico latticini e carne, si potrebbero salvare milioni di vite umane.

Lo studio sopra citato arriva a tale strabiliante conclusione poiché prende in considerazione tutti i fatti legati al consumo di prodotti di origine animale; quindi non unicamente il loro impatto negativo sul nostro organismo, peraltro mai trascurabile, ma anche le emissioni di CO2 e di metano derivanti proprio dalla produzione di tali alimenti, nonché l’enorme risparmio di denaro cui si potrebbe arrivare sostituendo la dieta onnivora con quella vegetariana.

Questa analisi, condotta da un gruppo di studiosi della Martin School di Oxford, è stata pubblicata sulla rivista scientifica americana Pnas e, come spiega uno degli autori Marco Springmann: “Il potenziale economico, sanitario e ambientale è gigantesco”.

I ricercatori coinvolti nello studio hanno immaginato differenti scenari basati su diverse scelte alimentari: il primo scenario prende in considerazione l’attuale consumo di cibo nel mondo e il secondo quello ad oggi raccomandato;da qui è emerso ciò che accadrebbe se l’intera popolazione diventasse vegetariana o vegana.

Il risultato parla sa sé: se si incominciasse semplicemente da una dieta più equilibrata e da una limitazione severa del consumo di carne si potrebbero evitare oltre 5milioni di decessi solamente nei prossimi 35 anni; tale numero salirebbe a 7,3 milioni nel caso si adottasse una dieta completamente vegetariana e a 8,1 milioni se si optasse per una dieta vegana.

Come abbiamo già accennato, inoltre, ridurre il consumo di carne significa anche diminuire considerevolmente le emissioni di gas ad effetto serra, contribuendo al rallentamento dei cambiamenti climatici responsabili di innumerevoli problematiche.

Secondo gli studi condotti presso l’università di Oxford, anche la semplice adozione di una dieta più equilibrata basterebbe a far calare del 30% le emissioni inquinanti derivanti dalla produzione alimentare; cali che, come nel caso delle morti dovute ad un’alimentazione sbagliata, arriverebbero al 60-70% nel caso diventassimo tutti vegetariani o vegani.

Ultimo, ma non meno significativo vantaggio dell’adozione di una dieta vegetariana riguarda il risparmio in termini di denaro pubblico; lo studio condotto stima, infatti, che si risparmierebbero tra i 735 e i 1.000 miliardi di dollari all’anno, questo perché si eviterebbero molte delle cure oggi finanziate dai servizi sanitari nazionali.

You might also like

Ambiente

Energia verde e consumo consapevole: come scegliere, anche in base alle tariffe

Oggi più che mai occorre prendere in considerazione le esigenze dell’ambiente, il nostro Pianeta sta soffrendo a causa dell’impatto dell’uomo e del consumo sempre più elevato di energia, con i conseguenti danni causati all’intero ecosistema. In merito all’acquisto di energia, oggi non possiamo più valutare unicamente affidabilità e costi dei vari fornitori, dobbiamo prendere le nostre decisioni nel rispetto dell’ambiente.

News

Targa e bollo anche per le biciclette? Un emendamento contro la mobilità sostenibile

I gravi problemi ambientali legati all’inquinamento hanno portato le più grandi città del nostro Paese a soluzioni, purtroppo quasi esclusivamente palliative, come il blocco del traffico, piuttosto che la circolazione con targhe alterne. Ovviamente i danni causati dalle emissioni nocive delle auto possono essere attenuati unicamente lasciando i mezzi nel garage e circolando in maniera alternativa. A tutti coloro che optano per mezzi di trasporto ecologici, quali le biciclette, va riconosciuto il grande merito di possedere una reale coscienza ambientalista; sembra però che un emendamento anti-bici stia per minare tale ammirevole comportamento.

Cucina

Come preparare un insalata davvero salutare

Come ben sappiamo un’alimentazione sana parte dalla scelta delle pietanze e degli ingredienti con cui vengono preparate; chi desidera curare la propria salute anche attraverso l’equilibrio alimentare, piuttosto che mettersi a dieta per perdere quei chili di troppo che disturbano la linea e di conseguenza lo stato di benessere generale della persona, spesso inserisce nella propria dieta giornaliera le insalate. Scopriamo come realizzarle e con quali ingredienti è possibile renderle varie e assolutamente salutari.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply