Dieci alternative sane e naturali alla farina raffinata (bianca)

Dieci alternative sane e naturali alla farina raffinata (bianca)

Ormai è noto: la farina bianca e raffinata è dannosa per la salute, in quanto presenta solo calorie cosiddette “vuote” senza in nutrienti di cui il nostro corpo ha bisogno per mantenersi sano. Purtroppo, però, questo tipi di farina è presente in praticamente tutti i prodotti che consumiamo su base quotidiana, dal pane alla pizza, dagli snack e dalle merendine processate, e addirittura in alcuni sughi e salse; proprio per questo non si dovrebbero sottovalutare le conseguenze, a volte pericolose, che questo alimento può creare al nostro organismo.

Il motivo per cui questo alimento è dannoso è che viene sottoposta a diversi processi di raffinazione che eliminano la maggior parte degli elementi nutrienti del grano, al solo scopo di ottenere un prodotto dall’aspetto “puro”, ossia bianco, più facilmente lavorabile rispetto alle farine non raffinate. Questo processo, però, fa in modo che si perdano anche sali minerali e vitamine a causa dell’utilizzo di prodotti chimici sbiancanti.

Gonfiore stomacale, intestinale e stitichezza sono solo alcuni dei problemi che questo alimento può apportare all’organismo; in più, questa farina, essendo appunto “vuota”, viene assimilata molto velocemente, e altrettanto velocemente viene convertita in grasso, con tutta una serie di conseguenze tra cui artrite e infiammazioni, allergie e intolleranze, diabete e problemi cardiaci.

Fortunatamente, esistono alcuni prodotti che possono essere utilizzati al posto della farina bianca per la preparazione dei piatti di tutti giorni, e anche di quelli dei giorni speciali. Ecco quali sono.

1. Farina di cocco

Non è propriamente una farina in quanto non è un prodotto derivante dal grano o dalla frutta secca, ma viene spesso utilizzata in sostituzione delle farina bianca, grazie al suo apporto di fibre, di proteine e di grassi salutari che fanno bene anche al cervello. Bassa in zuccheri e quindi in calorie, è ricca di carboidrati digeribili.

2. Farina di grano saraceno

Proveniente dall’omonima pianta, la farina di grano saraceno è ricchissima di vitamina K ed è quindi un vero toccasana per la salute del sangue, anche perché è in grado di equilibrare il livello di glucosio nel sangue, prevenendo l’insorgenza del diabete.

3. Farina di mandorle

La consistenza non è tanto diversa da quella dello zucchero semolato, in quanto viene ottenuta dalla macinazione delle mandorle crude. Numerosi sono i suoi benefici: è in grado di ridurre il colesterolo e di prevenire l’insorgenza di ictus e di malattie cardiache. È, inoltre, un alimento ricchissimo di magnesio, di grassi polinsaturi e di fibra.

4. Farina di ceci

Ideale per la preparazione di ricette salate, gnocchi, grissini, biscotti, crespelle e una grande quantità di prodotti da forno e non, la farina di ceci può essere utilizzata anche per impanare le verdure o la carne, e come impasto per la preparazione di burger vegetariani. Il grande vantaggio di questo versatilissimo prodotto è che può essere realizzato facilmente anche a casa, tritando finemente i ceci secchi.

5. Farina di farro integrale

Questo tipo di farina conserva intatte per proprietà del cereale, è ricchissima di vitamine e di sali minerali e può essere impiegata al posto della farina bianca per la preparazione di pane, pasta fresca, biscotti e torte.

6. Farina di avena

Rispetto alla farina di frumento, la farina di avena è meno calorica e più ricca di proprietà nutrienti, e rappresenta un ottimo sostituto alle farine raffinate per la preparazione di plumcake e biscotti, di pane e prodotti da forno, oltre che come ingrediente addensante per minestre di legumi e di verdura.

7. Farina di riso

La farina di riso rappresenta un ottimo sostituito alla farina bianca per chi ne fosse intollerante, in quanto è completamente priva di glutine, e può essere usata per preparare gnocchi, pasta fresca, per impanare le verdure, e addirittura per preparare la besciamella e per addensare dolci e budini.

8. Farina di mais

Ci sono diversi tipi di farina di mais, e sono tutti privi di glutine, rappresentando quindi un’ottima alternativa per i celiaci e gli intolleranti al glutine. Abbinata ad altre farine può essere impiegata per preparare grissini, biscotti, pane e altri prodotti da forno, oltre che, naturalmente, per preparare la polenta.

9. Farina di castagne

Anche la farina di castagne è un alimento privo di glutine, e per questo viene spesso impiegata al posto della farina bianca 00 in quanto lievita in modo ottimale e permette di creare, ad esempio, torte e dolci estremamente soffici. Usata insieme alla farina di farro, è ideale per preparare anche pasta fresca, biscotti e pane.

10. Farina di quinoa

Questa particolare farina viene prodotta macinando i chicchi di quinoa, ed è più ricca di lisina, si ferro, di potassio, di calcio e di amminoacidi rispetto alle farine di grano e di frumento. Può essere usata per la preparazione di prodotti fa forno se utilizzata in abbinamento con altre farine, ad esempio quella di frumento integrale o di farro.

You might also like

Lifestyle

L’Italia dell’eco-innovazione: 34 parchi scientifici tecnologici e più di 2.700 startup

Sembra che il nostro Paese non abbia perso la sua creatività e pare che negli ultimi tempi la stia mettendo, finalmente, anche a servizio dell’ecologia; stiamo parlando delle numerose startup che durante gli ultimi due anni sono più che raddoppiate, e che continuano ad aumentare diventando una vera e propria industria pro ambiente.

SLIDEBAR

Stop al consumo di carne: per la salute e non solo

Sembra che i danni, potenziali ed effettivi, che derivano dal consumo di carne non siano strettamente legati alla salute dell’uomo ma anche a quella dell’intero pianeta; da un recente studio, infatti, risulta che se non limiteremo il consumo di carne e derivati animali, quali i latticini, non riusciremo a risolvere il problema delle emissioni di gas serra.

SLIDEBAR

Fai da te ecologico: strumenti musicali diventano preziosi elementi d’arredo

Come abbiamo visto in altri post l’ecologia viaggia a braccetto con la creatività e con la voglia di sperimentare; è il fai da te l’alleato numero uno del riciclo di oggetti e materiali, ed è da questa pratica che si può partire per imparare a riutilizzare tutto ciò che sembra privo di scopo, in modo da alleggerire il sovraccarico sistema di smaltimento dei rifiuti. Vediamo alcuni modi originali per creare meravigliosi elementi d’arredo dando una nuova vita ai vecchi strumenti musicali.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply