Come risparmiare energia utilizzando il frigorifero

Come risparmiare energia utilizzando il frigorifero

 

Quando il frigorifero aiuta a risparmiare energia

Il  frigorifero, grande o piccolo che sia, è indubbiamente l’elettrodomestico che più utilizziamo dentro casa. Per cucinare, per prendere dell’acqua fresca o per fare uno spuntino fuori pasto, è innegabile che sia costantemente utilizzato e che durante il giorno venga aperto numerose volte.

Evitare di aprire spesso il frigorifero

Forse non tutti sanno che è possibile risparmiare l’energia dell’economia domestica proprio partendo dal frigorifero e che il primo dei modi migliori per farlo è proprio quello di cercare di aprirlo il meno possibile, quindi solo quando è strettamente necessario, per evitare che subisca inutili sbalzi di temperatura.

L’ingresso di aria calda all’interno di un ambiente freddo, infatti, attiva ulteriormente il processo di refrigerazione aumentando così la quantità di energia necessaria per farlo. Lo stesso vale nel caso in cui il frigorifero rimanga accidentalmente aperto per dimenticanza e disattenzione; controllate sempre di averlo chiuso correttamente e di non aver lasciato l’anta aperta per lungo tempo.

Riempire correttamente il frigorifero

Il secondo e importante accorgimento da mettere in pratica per risparmiare energia partendo dall’utilizzo del frigorifero è quello di cercare di riempirlo sempre correttamente e di non lasciarlo semi-vuoto.

Un frigorifero pieno in tutti i suoi scomparti consuma e disperde certamente meno energia di un frigorifero pieno anche solo a metà, anche se è bene controllare sempre di non averlo, al contrario, sovraccaricato troppo, per non compromettere la regolare ventilazione dell’aria fredda.

Impostare un corretto valore di refrigerazione

La terza regola, fondamentale per il buon funzionamento del frigorifero, è controllare di tanto in tanto che non ci siano eventuali anomalie di funzionamento  e che la temperatura sia impostata correttamente.

In genere la temperatura interna dovrebbe aggirarsi in un intervallo compreso tra i 5 e i 7 gradi, mentre quella del congelatore, che ormai sempre più spesso si trova all’interno del blocco del frigorifero, tra i -18 e i -15.

Classe energetica

Quarto consiglio, se potete, cercate di scegliere un modello di frigorifero a risparmio energetico. Sul mercato ormai sono molte le marche e i modelli che si impegnano in questo senso, per limitare, per quanto possibile, l’impatto di consumo energetico.

Effettuare una manutenzione periodica

Ultimo e importante accorgimento è quello di provvedere regolarmente al controllo della serpentina, posta dietro al frigorifero, che incide anch’essa sul consumo energetico, e delle guarnizioni. Quando effettuate questa operazione ricordate di staccare la presa di corrente per lavorare in totale sicurezza.

You might also like

Risparmio Energetico

Isolare la casa in modo semplice ed efficiente

Quando si parla di impianti riscaldamento o di climatizzazione, è inevitabile parlare anche di spreco di energia. Di quella prodotta per rinfrescare o riscaldare la casa, infatti, molta viene dispersa nell’ambiente, non solo a causa di impianti poco efficienti, ma anche per colpa di cattive abitudini o di insufficiente isolamento dentro casa. Ecco allora quali sono le buone abitudini da mettere in pratica, per isolare la casa opportunamente limitando gli sprechi.

Lifestyle

Orologio ecologico che funziona con l’energia delle piante

Un gadget che strapperà un applauso a tutti gli appassionati di ecologia e di riduzione dell’impatto ambientale: un orologio ecologico che sfrutta, per funzionare, l’energia e gli elettroliti prodotti da piccole piante in vaso, e non ha bisogno né di alimentazione elettrica né di batterie. Un piccolo passo per l’uomo, un grande passo per il pianeta?

Risparmio Energetico

Dispositivo a energia cinetica per ricaricare il cellulare

Un dispositivo a forma di lampadina, dal design originale e simpatico, decisamente utile nella vita quotidiana. Permette infatti di ricaricare cellulari o dispositivi elettronici con il solo inserimento dell’apposito cavo e con il semplice movimento del bulbo superiore della lampadina, che produce attraverso la forza cinetica il movimento necessario al funzionamento.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply