Come mantenere le mani idratate in modo naturale durante l’inverno

Come mantenere le mani idratate in modo naturale durante l’inverno

 

Specialmente se vivete in zone dal clima rigido saprete perfettamente come tenere le mani idratate sia davvero una battaglia senza fine. La maggior parte dei prodotti commerciali hanno un effetto temporaneo ed è necessario applicare le creme molte volte nell’arco della giornata per avere la sensazione che la pelle sia protetta ed idratata.

La combinazione del calore interno del corpo con il freddo secco dell’aria, e le ricorrenti situazioni in cui si mettono le mani in acqua, fanno sì che la pelle si screpoli talmente da portare, in alcuni casi, anche alla formazione di tagli sulle nocche o intorno alle unghie.

Esistono però alcuni metodi naturali veramente efficaci che vi consentiranno di prevenire fastidiose screpolature e avere mani morbide e ben idratate durante tutto l’anno, e di farlo nel modo più economico ed ecologico possibile.

1 . Lavate le mani con sapone naturale

Molte persone associano la secchezza della pelle al sapone, ma in realtà il vero sapone non dovrebbe seccare la pelle; tradizionalmente infatti esso è costituito da grassi (animali o vegetali), combinati con un tipo di alcale (ad esempio la glicerina). Oggi ai numerosi detergenti in commercio vengono aggiunte miscele chimiche per rendere il prodotto più efficace per la pulizia e fare più schiuma, questi prodotti però sono aggressivi sulla pelle e rischiano di privarla della sua naturale protezione lipidica. Evitate quindi i saponi troppo carichi di composti chimici (controllate la composizione), e optate invece per prodotti con ph neutro, a base di glicerina vegetale.

2 . Attenti ai PEG

Quando si acquista una crema idratante o un prodotto detergente si legge spesso sulle confezioni il termine “lozione”, a cui si attribuisce il significato di nutriente. Ma le cose non stanno proprio così; molte creme per le mani contengono un certo numero di ingredienti potenzialmente pericolosi per la pelle, ad esempio: i trigliceridi o palmitati e il polietilene glicole (PEG), progettato per facilitare la penetrazione degli idratanti nella pelle. A proposito dei PEG va sottolineato il fatto che queste sostanze aprono i pori e quindi permettono ad ogni altra sostanza chimica pericolosa un più rapido accesso ai vasi sanguigni. Il termine lozioni definisce semplicemente un’emulsione di olio e acqua, con un sacco di additivi per eliminare gli odori.

3 . Usate l’olio

Ci sono molti tipi di olio che funzionano come ottimi idratanti; l’olio di cocco è il più popolare, conosciuto per le sue proprietà antiossidanti e antibatteriche, esso viene assorbito dagli strati più profondi della pelle, rafforzando il tessuto e rendendolo più compatto. Inoltre alcuni enzimi del cocco aiutano a rimuovere le cellule morte della pelle rendendola più liscia. Altri oli naturali idratanti sono l’olio di jojoba, quello di mandorle dolci e olio d’oliva.

4 . Idratate le mani prima di dormire

L’unico inconveniente di utilizzare l’olio come idratante è che può essere grasso, il che rende scomodo il suo utilizzo durante la giornata; applicatelo generosamente di notte, utilizzando guanti di cotone per trattenere l’umidità. Altro rimedio naturale, perfetto per la notte, è strofinare le mani con una manciata di zucchero di canna mescolato con olio di mandorle dolci.

You might also like

Lifestyle

La cura della persona e della bellezza diventa ecogreen!

Consigli e suggerimenti per vivere la cura della persona e della bellezza in modo più ecologico, prediligendo prodotti naturali ed evitando di utilizzare, dove possibile, detergenti di origine chimica, potenzialmente dannosi sia per la salute che per l’ambiente.

Lifestyle

Come ridurre le emissioni responsabile dell’effetto serra artificiale

Come spiega la teoria del surriscaldamento globale, l’odierno riscaldamento del clima terrestre è dovuto in parte alle naturali variazioni climatiche e in parte all’azione umana; le stime ci dicono che la vita dell’uomo sulla terra impatti negativamente sul clima apportando un aumento eccessivo di CO2 e metano, e che proprio tale aumento di gas è responsabile del conseguente aumento della temperatura terreste e del cosiddetto effetto serra artificiale. Vediamo cosa possiamo fare per ridurre tali emissioni, contribuendo attivamente alla salvaguardia del Pianeta.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply