Come mantenere le mani idratate in modo naturale durante l’inverno

Come mantenere le mani idratate in modo naturale durante l’inverno

 

Specialmente se vivete in zone dal clima rigido saprete perfettamente come tenere le mani idratate sia davvero una battaglia senza fine. La maggior parte dei prodotti commerciali hanno un effetto temporaneo ed è necessario applicare le creme molte volte nell’arco della giornata per avere la sensazione che la pelle sia protetta ed idratata.

La combinazione del calore interno del corpo con il freddo secco dell’aria, e le ricorrenti situazioni in cui si mettono le mani in acqua, fanno sì che la pelle si screpoli talmente da portare, in alcuni casi, anche alla formazione di tagli sulle nocche o intorno alle unghie.

Esistono però alcuni metodi naturali veramente efficaci che vi consentiranno di prevenire fastidiose screpolature e avere mani morbide e ben idratate durante tutto l’anno, e di farlo nel modo più economico ed ecologico possibile.

1 . Lavate le mani con sapone naturale

Molte persone associano la secchezza della pelle al sapone, ma in realtà il vero sapone non dovrebbe seccare la pelle; tradizionalmente infatti esso è costituito da grassi (animali o vegetali), combinati con un tipo di alcale (ad esempio la glicerina). Oggi ai numerosi detergenti in commercio vengono aggiunte miscele chimiche per rendere il prodotto più efficace per la pulizia e fare più schiuma, questi prodotti però sono aggressivi sulla pelle e rischiano di privarla della sua naturale protezione lipidica. Evitate quindi i saponi troppo carichi di composti chimici (controllate la composizione), e optate invece per prodotti con ph neutro, a base di glicerina vegetale.

2 . Attenti ai PEG

Quando si acquista una crema idratante o un prodotto detergente si legge spesso sulle confezioni il termine “lozione”, a cui si attribuisce il significato di nutriente. Ma le cose non stanno proprio così; molte creme per le mani contengono un certo numero di ingredienti potenzialmente pericolosi per la pelle, ad esempio: i trigliceridi o palmitati e il polietilene glicole (PEG), progettato per facilitare la penetrazione degli idratanti nella pelle. A proposito dei PEG va sottolineato il fatto che queste sostanze aprono i pori e quindi permettono ad ogni altra sostanza chimica pericolosa un più rapido accesso ai vasi sanguigni. Il termine lozioni definisce semplicemente un’emulsione di olio e acqua, con un sacco di additivi per eliminare gli odori.

3 . Usate l’olio

Ci sono molti tipi di olio che funzionano come ottimi idratanti; l’olio di cocco è il più popolare, conosciuto per le sue proprietà antiossidanti e antibatteriche, esso viene assorbito dagli strati più profondi della pelle, rafforzando il tessuto e rendendolo più compatto. Inoltre alcuni enzimi del cocco aiutano a rimuovere le cellule morte della pelle rendendola più liscia. Altri oli naturali idratanti sono l’olio di jojoba, quello di mandorle dolci e olio d’oliva.

4 . Idratate le mani prima di dormire

L’unico inconveniente di utilizzare l’olio come idratante è che può essere grasso, il che rende scomodo il suo utilizzo durante la giornata; applicatelo generosamente di notte, utilizzando guanti di cotone per trattenere l’umidità. Altro rimedio naturale, perfetto per la notte, è strofinare le mani con una manciata di zucchero di canna mescolato con olio di mandorle dolci.

You might also like

Riciclo

Tavolino realizzato con vecchi bancali

Tra i mille oggetti che si prestano molto bene al riciclo creativo c’è il pallet, un materiale molto versatile che si può declinare in vari modi. Ecco come fare, per esempio, a trasformarlo in un bellissimo tavolino da caffè originale e personalizzato. Il progetto è piuttosto semplice da realizzare, a costo quasi zero, ed è perfetto se volete cimentarvi con la costruzione di piccoli arredi per abbellire la casa.

Lifestyle

Vivere sostenibile: uno stile di vita a rifiuti zero

I problemi ambientali sono oggi sotto gli occhi di tutti e cercano una soluzione concreta e rapida; questa soluzione, per quanto non lo si voglia accettare, deve giungere al Pianeta partendo dall’impegno costante e dalla consapevolezza di tutti gli abitanti della Terra. Quanti di noi si impegnano attivamente, ad esempio, per ridurre il proprio personale impatto ambientale? Scopriamo cosa significa vivere sostenibile, attraverso uno stile di vita a rifiuti zero.

Risparmio Energetico

Automobili elettriche: sono davvero così ecologiche?

Chi acquista un’auto elettrica è spesso convinto di abbassare il proprio impatto ecologico e di poter circolare “con la coscienza pulita”. Ma siamo proprio sicuri che la produzione di queste auto sia davvero a impatto ridotto? Forse non è davvero così…

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply