Colazione al top con la crema Budwig: cos’è e come prepararla

Colazione al top con la crema Budwig: cos’è e come prepararla

Ideata dalla dottoressa e ricercatrice sovietica Catherine Kousmine (1904-1992), l’omonima dieta è tornata ad essere al centro dell’attenzione come valido sistema alimentare capace di prevenire gravi malattie e di contrastare numerosi disturbi, nonché di ritrovare il proprio peso forma.

La Kousmine ha dedicato l’intera vita a cercare un rimedio contro gravi malattie, quali il cancro, le malattie autoimmuni e quelle degenerative, tramite l’alimentazione, focalizzando l’attenzione su una particolare combinazione di alimenti in grado di fornire all’organismo tutto ciò di cui necessita per migliorare quanto più possibile il suo stato di salute e la funzionalità del sistema immunitario.

In linea generale il metodo Kousmine richiede una drastica diminuzione del consumo di grassi animali e idrogenati, l’eliminazione di oli spremuti a caldo, di zuccheri aggiunti, di tutti i cibi “light”, di tutti i dolci ad eccezione del cioccolato fondente, la riduzione del consumo di carne rossa, di latte e derivati, di caffè, sale e vino (di cui ne è permesso un bicchiere al giorno e rosso) e infine impone di evitare il consumo di tutti gli alimenti conservati.

I principi basilari su cui si basa la dieta Kousmine sono due:  eliminare l’acidosi dell’organismo e diminuite le tossine; inoltre la dottoressa consiglia di evitare fattori di rischio quali lo stress, il fumo e l’abuso di alcool.

Parlando del metodo Kousmine, non è possibile non citare una delle sue ricette più popolari: la crema Budwig che consiste in un pasto, per la precisione una colazione, che è ritenuta essere una della colazioni migliori dal punto di vista nutrizionale.

La crema Budwin è una perfetta combinazione di ingredienti capaci di fornire all’organismo tutto ciò di che necessita per poter affrontare la giornata con la giusta dose di energia; vediamo come preparare questa ottima colazione.

Preparare la crema Budwig è semplice e veloce e l’unico aspetto davvero importante è che tutti gli ingredienti siano freschi e che vengano macinati al momento, in maniera tale che mantengano intatti i loro principi attivi.

Cosa serve per preparare la crema Budwig

  • 2 cucchiai da caffè di olio di semi di lino, oppure uno e mezzo di semi di lino
  • 2 cucchiai da caffè di semi oleosi (girasole, zucca, noci, nocciole ecc.)
  • 1 cucchiaio da minestra di cereali integrali (macinati freschi o crudi)
  • 2 cucchiai da minestra di ricotta o yogurt (tofu per i vegani)
  • ½ limone spremuto
  • 1 frutto di stagione, piuttosto che un mix di frutti (100 grammi)
  • 1 o mezza banana matura, o in alternativa un cucchiaio da caffè di miele

I quantitativi possono variare leggermente a seconda della costituzione della persona.

Come preparare la crema Budwig

Per preparare la crema Budwig si dovrà utilizzare un macina-caffè o un mixer che sia in grado di triturare i semi, anche quelli molto duri come quelli di lino.

Con il mixer macinare finemente i semi oleosi e i cereali integrali.

Frullare tutti gli altri ingredienti fino a quando non sarà ottenuta una crema dalla consistenza omogenea.

Unire il tutto e consumare subito, al fine di ottenere i massimi benefici.

È possibile sostituire la frutta con la verdura, per ottenere una versione “salata” della crema Budwig, a patto che sia sempre di stagione.

La crema Budwig rappresenta senza dubbio una colazione assolutamente completa a livello nutrizionale; nella combinazione di ingredienti che la compongono si trovano tutti gli elementi di cui necessita il nostro organismo: proteine, omega 3 e 6, sali minerali e fibre, carboidrati a lento rilascio e vitamine.

You might also like

Lifestyle

Turismo sostenibile: le proposte di Ecobnb

Tra le varie iniziative pro ambiente, il cosiddetto turismo sostenibile sta crescendo sempre di più, facendo ben sperare coloro che adottano uno stile di vita ecologico e che desiderano vivere nel rispetto dell’ambiente anche durante le vacanze. Tra queste Ecobnb, una piattaforma dedicata al turismo eco-sostenibile; scopriamo le varie proposte e i requisiti ambientali ai quali è necessario aderire per potervisi iscrivere.

Ambiente

Il futuro della mobilità: nel 2050 un vicolo su cinque sarà alimentato a idrogeno

Entro il 2050 più di 8 milioni di veicoli saranno alimentati a idrogeno. Una bella previsione e, se la stima dovesse risultare esatta, un ottimo traguardo per abbattere l’inquinamento e puntare su fonti di combustibile alternative. Come sarà possibile tutto questo? Grazie a una forte collaborazione tra pubblico e privato e a un piano nazionale per la mobilità che segue attentamente le direttive dell’Unione Europea.

Lifestyle

L’Italia dell’eco-innovazione: 34 parchi scientifici tecnologici e più di 2.700 startup

Sembra che il nostro Paese non abbia perso la sua creatività e pare che negli ultimi tempi la stia mettendo, finalmente, anche a servizio dell’ecologia; stiamo parlando delle numerose startup che durante gli ultimi due anni sono più che raddoppiate, e che continuano ad aumentare diventando una vera e propria industria pro ambiente.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply