Buone notizie: alcuni alimenti sono più nutrienti se fritti!

Buone notizie: alcuni alimenti sono più nutrienti se fritti!

Sembra che la notizia sia vera e fondata: alcuni alimenti, ad esempio le verdure, potrebbero essere più nutrienti se fritte in olio bollente (rigorosamente extra vergine di oliva) rispetto alle più sane cotture al vapore, o in acqua bollente!

Secondo una ricerca recentemente pubblicata su Science, infatti, sembra che quando le verdure vengono saltate o addirittura fritte, grazie al contatto con l’olio di oliva sviluppano quantitativi di fenoli che non risultano presenti quando le verdure sono ancora crude o quando vengono cotte con altri metodi.

Questo succede perché i fenoli contenuti nell’olio di oliva vengono trasferiti, con la cottura e il calore, nelle verdure, incrementandone il potere antiossidante, mentre quando vengono semplicemente cotti in acqua, o in una combinazione di acqua e olio, si registra una diminuzione de fenoli, per questo se si desidera ottenere il massimo apporto nutritivo è bene consumare anche l’olio di cottura insieme alle verdure (invece di scolarlo come molti fanno).

Insomma, sembra proprio che le patate, se fritte in olio di oliva, siano molto più ricche di antiossidanti rispetto a quelle fritte in altri oli, anche se probabilmente rimane sempre valido, in questo caso, il suggerimento di non esagerare con il fritto. Naturalmente, e come tutti sanno, friggere è un metodo di cottura che apporta un quantitativo maggiore di calorie rispetto agli altri metodi, anche se si tende a ritenere l’olio di oliva, tra tutti i grassi, uno dei meno dannosi per la salute.

Sembra anche che l’unione tra l’olio di oliva e le verdure produca dei acidi grassi nitro che contribuiscono a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, diabete alimentare, sindromi metaboliche, Alzheimer, cancro, depressione e infarto, oltre a migliorare le funzioni dell’organismo e la salute del cervello.

Per condurre questa ricerca, gli studiosi hanno usato patate, pomodori, melanzane e zucca; questo non vuol dire che da domani potremo iniziare a mangiare quotidianamente delle gran fritture di verdure miste, anche se probabilmente a livello gustativo ci piacerebbe molto farlo, ma vuol dire, ad esempio, che friggere delle fette di melanzane o di pomodori verdi alla fine dell’estate per poi surgelarli potrebbe essere un ottimo modo per ritrovarsi, in inverno, con delle verdure gustose e ricche di sostanze nutrienti e di principi attivi.

Ovviamente, la “magia” funziona se per friggere si utilizza solo ed esclusivamente olio di oliva extra vergine di buona qualità, quindi vi invitiamo a fare attenzione al supermercato all’olio che acquistate, controllando che sia 100% extravergine (possibilmente di provenienza italiana, o ancora meglio locale!).

You might also like

News

Glifosato: una sostanza potenzialmente cancerogena, ma non ancora bandita

Tra le numerose sostanze tossiche che si trovano negli alimenti commercializzati e in moltissimi oggetti di uso comune, ne esistono alcune di cui spesso ignoriamo l’esistenza, ma la cui pericolosità è assolutamente reale. Un esempio di ciò è il glifosato, un diserbante presente in molti cibi, bevande e non solo; scopriamo di cosa si tratta e perché questa sostanza non è stata ancora vietata.

SLIDEBAR

Come sfruttare le proprietà dell’arancia e come riciclare la sua buccia

Tra i frutti più benefici per l’organismo l’arancia si qualifica al primo posto per quantitativo di vitamina C; sono infatti sufficienti 100 grammi di questo frutto per assumere la dose giornaliera necessaria per coprire il fabbisogno. Ma le virtù delle arance sono molte; scopriamo come sfruttare al meglio tutte le sue proprietà e come riutilizzare la sua buccia.

Ambiente

Surriscaldamento globale: l’opinione del neoeletto Presidente USA Donald Trump

Nell’ambito della salvaguardia dell’ambiente, uno dei temi più discussi e sentiti degli ultimi anni, se non il principale, è sicuramente quello relativo ai danni causati all’interno ecosistema dai cambiamenti climatici, ovvero dal cosiddetto surriscaldamento globale. Questa situazione, come le molte altre di interesse mondiale, tocca ora anche il neoeletto Presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump, il quale adesso dovrà fare i conti con la scienza; scopriamo il suo punto di vista sulla questione.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply