Buone notizie: alcuni alimenti sono più nutrienti se fritti!

Buone notizie: alcuni alimenti sono più nutrienti se fritti!

Sembra che la notizia sia vera e fondata: alcuni alimenti, ad esempio le verdure, potrebbero essere più nutrienti se fritte in olio bollente (rigorosamente extra vergine di oliva) rispetto alle più sane cotture al vapore, o in acqua bollente!

Secondo una ricerca recentemente pubblicata su Science, infatti, sembra che quando le verdure vengono saltate o addirittura fritte, grazie al contatto con l’olio di oliva sviluppano quantitativi di fenoli che non risultano presenti quando le verdure sono ancora crude o quando vengono cotte con altri metodi.

Questo succede perché i fenoli contenuti nell’olio di oliva vengono trasferiti, con la cottura e il calore, nelle verdure, incrementandone il potere antiossidante, mentre quando vengono semplicemente cotti in acqua, o in una combinazione di acqua e olio, si registra una diminuzione de fenoli, per questo se si desidera ottenere il massimo apporto nutritivo è bene consumare anche l’olio di cottura insieme alle verdure (invece di scolarlo come molti fanno).

Insomma, sembra proprio che le patate, se fritte in olio di oliva, siano molto più ricche di antiossidanti rispetto a quelle fritte in altri oli, anche se probabilmente rimane sempre valido, in questo caso, il suggerimento di non esagerare con il fritto. Naturalmente, e come tutti sanno, friggere è un metodo di cottura che apporta un quantitativo maggiore di calorie rispetto agli altri metodi, anche se si tende a ritenere l’olio di oliva, tra tutti i grassi, uno dei meno dannosi per la salute.

Sembra anche che l’unione tra l’olio di oliva e le verdure produca dei acidi grassi nitro che contribuiscono a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, diabete alimentare, sindromi metaboliche, Alzheimer, cancro, depressione e infarto, oltre a migliorare le funzioni dell’organismo e la salute del cervello.

Per condurre questa ricerca, gli studiosi hanno usato patate, pomodori, melanzane e zucca; questo non vuol dire che da domani potremo iniziare a mangiare quotidianamente delle gran fritture di verdure miste, anche se probabilmente a livello gustativo ci piacerebbe molto farlo, ma vuol dire, ad esempio, che friggere delle fette di melanzane o di pomodori verdi alla fine dell’estate per poi surgelarli potrebbe essere un ottimo modo per ritrovarsi, in inverno, con delle verdure gustose e ricche di sostanze nutrienti e di principi attivi.

Ovviamente, la “magia” funziona se per friggere si utilizza solo ed esclusivamente olio di oliva extra vergine di buona qualità, quindi vi invitiamo a fare attenzione al supermercato all’olio che acquistate, controllando che sia 100% extravergine (possibilmente di provenienza italiana, o ancora meglio locale!).

You might also like

Riciclo

Riciclo creativo: come riciclare una camicia

Quando si parla di atteggiamenti eco solidali non si intendono unicamente pratiche costose ed impegnative, ci si riferisce anche, e in special modo, a tutti quei comportamenti quotidiani ed abitudinari che caratterizzano il nostro stile di vita; primo fra tutti il non sprecare nulla. Evitare gli sprechi significa rispettare il nostro ambiente decidendo di non sovra-sfruttarlo, causando  gravissimi danni al Pianeta. Per non sprecare è possibile, ad esempio, riciclare tutti quegli oggetti e materiali che possono avere una seconda funzione; scopriamo come riciclare le camicie.

SLIDEBAR

Novità ecologica: The Breath, il tessuto antismog in grado di purificare l’aria

In materia di innovazioni ecologiche sono molte le realtà che lavorano per realizzare prodotti e beni di consumo a minimo impatto ambientale; oggi, inoltre, grazie all’attività di numerose startup, italiane e non, si assiste ad una vera e propria rivoluzione con novità davvero interessanti. Tra le idee più innovative ed originali in campo ecologico, The Breath, il tessuto che purifica l’aria, rappresenta, forse, un primo e decisivo passo vero una doverosa presa di coscienza; scopriamo di cosa si tratta.   

SLIDEBAR

Perché non sprecare i farmaci: antibiotici inutili a causa dell’uso compulsivo

Se da un lato l’industria farmaceutica, caratterizzata da una crescente ricerca scientifica, è stata in grado di sviluppare farmaci per curare qualsiasi disturbo, dall’altro sembra che il loro abuso rappresenti ad oggi un concreto rischio per la nostra salute. Sono gli antibiotici i primi “indagati”, e di questi è stata dimostrata una pericolosa inefficacia, dovuta proprio al loro uso compulsivo.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply