Berlino: frutta e verdura dell’orto direttamente nei supermercati

Berlino: frutta e verdura dell’orto direttamente nei supermercati

In un epoca in cui il denaro vale spesso più della salute e la quantità vince sulla qualità di moltissimi prodotti commercializzati, sembra un miraggio poter acquistare un prodotto naturale, e quindi buono e salutare, proprio al supermercato.

A chi non è capitato, infatti, di portare sulla propria tavola bellissimi frutti e verdure coloratissime che poi, una volta consumate, sono state in grado di lasciarci solo l’amaro in bocca? Purtroppo non è una novità: i prodotti della grande distribuzione spesso sono di scarsa qualità, complici le ferree regole del mercato che impongono grandi quantità a piccoli prezzi.

Vista la situazione, alcuni giovanissimi della città di Berlino hanno dato vita ad una nuova start up: si chiama Infarm e propone “agricoltura a chilometro zero” nei supermercati.

Ad ospitare per la prima volta questo magnifico progetto è Metro, la catena di supermercati tedesca seconda in Europa soltanto a Carrefour, e sembra che il successo dell’iniziativa sia palese in tutti i punti vendita dove è già sbarcato.

Si tratta di vere e proprie serre di dimensioni modeste, dove i clienti possono acquistare insalate ed erbe aromatiche davvero freschissime, cresciute verticalmente e grazie al metodo della cosiddetta coltivazione idroponica.

Questa tipologia di coltivazione consiste nell’utilizzare unicamente acqua e lampade al Led per far crescere gli ortaggi, piuttosto che i frutti, all’interno di serre a forma di cubo dotate di sensori in grado di rilevare costantemente le condizioni delle piante.

Nella coltivazione idroponica il terreno è sostituito da substrato inerte (argilla espansa, vermiculite, zeolite, ecc.), e le piante vengono irrigate con una soluzione nutritiva composta esclusivamente da acqua e dagli elementi necessari ai fini di una bilanciata nutrizione minerale.

Grazie a questa tipologia di coltivazione si possono avere ottime insalate coltivate con l’impiego di risorse minime, riducendo drasticamente l’uso di fertilizzanti (- 70%) e di acqua (- 90%), nonché lo spazio sfruttato, ovvero minimizzando l’impatto ambientale; inoltre non vi è alcuna distanza tra punto vendita e consumatore, aspetto che si traduce nell’assenza di costi per il trasporto.

Una vera e propria rivoluzione nel modo di concepire la produzione agricola; un’agricoltura urbana destinata a rendere ogni città autosufficiente nella propria produzione alimentare, tagliando costi, sprechi e impatto ambientale.

Berlino si conferma città per l’ambiente; dopo la concessione degli spazi verdi della città ai cittadini che desiderano coltivare un piccolo appezzamento di terra, sottraendolo così al degrado, e dopo gli orti nelle scuole come prezioso strumento didattico, è la volta dell’orto nella grande distribuzione, che segna un ulteriore e importante svolta per l’ambiente a beneficio dell’intero eco sistema, nonché della nostra salute.

Per ora nei cubi idroponici della Metro si possono acquistare unicamente insalate ed erbe aromatiche, ma ben presto la coltivazione sarà estesa a pomodori, peperoni e svariate altre tipologie di verdure e frutti.

You might also like

SLIDEBAR

Vetro: come riciclarlo correttamente

L’impatto ambientale dei rifiuti domestici può e deve essere diminuito; tra i vari materiali che entrano quotidianamente nel laborioso sistema di smaltimento, il vetro è senza dubbio quello che si può riciclare più facilmente. Vediamo nel dettaglio quali regole seguire e quali errori evitare al fine di assumere un idoneo comportamento ecologico in merito al riciclo del vetro.

News

Droplet: un robot intelligente per annaffiare… senza sprechi!

Ci siamo amanti del giardinaggio! La primavera è iniziata, e con lei i grandi lavori in giardino, i nuovi allestimenti outdoor, e la costante e minuziosa cura di piante e manto erboso. Tutti gli anni i giardinieri per passione puntano a realizzare grandi cose nei loro spazi privati questo però, anche per quanto riguarda la semplice irrigazione, costa tempo, fatica e denaro; ma ormai viviamo in un’era di innovazione e progresso, ed è arrivato Droplet: il robot gocciolina! 

Lifestyle

Cibo sostenibile: il manifesto di LifeGate per nutrirsi senza divorare il Pianeta

Ciò che mettiamo sulle nostre tavole, tutto il cibo che consumiamo ha un impatto anche sull’ambiente, oltre che sul nostro stato di salute generale; esiste un modo sostenibile di alimentarsi, nonché di coltivare, allevare e distribuire i vari prodotti alimentari nel rispetto dell’intera umanità e del nostro sfruttato Pianeta.  Arriva da LifeGate un’iniziativa volta alla sensibilizzazione sull’alimentazione sostenibile, un mezzo per informare e orientare le persone in materia di cibo.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply