5 modi per riutilizzare lo yogurt scaduto

5 modi per riutilizzare lo yogurt scaduto

Come ben sappiamo qualsiasi alimento in commercio possiede una data di scadenza, o meglio una data entro la quale dovrebbe essere “preferibilmente consumato”. Anche se ci sono cibi, in primis tutti quelli freschi, che non possono essere conservati per più di qualche giorno, non dobbiamo farci ingannare dalle scadenze gettando via qualsiasi alimento solo perché appena passata la data indicata sulla confezione.

Molti cibi, infatti, sono ancora buoni anche se hanno perso alcune caratteristiche organolettiche e si possono consumare tranquillamente anche una volta passata la data di scadenza; ovviamente se sono trascorsi diversi giorni il discorso è diverso e, soprattutto nel caso dei latticini, si potrà facilmente capire se un alimento è ancora buono semplicemente osservando il suo aspetto e l’odore che ha.

È sempre importante porre l’attenzione su alcune semplici regole da seguire per limitare gli sprechi: innanzitutto evitare di acquistare alimenti in eccesso, che con ogni probabilità non potranno essere consumati entro la data di scadenza, e in secondo luogo fare sempre attenzione ai cibi che si trovano in casa prima di andare a fare la spesa, in modo da non comprare ciò che già abbiamo nel frigorifero.

Nel caso degli yogurt, se non volete proprio consumarli, anche se scaduti da poco, sappiate che esistono alcuni modi grazie ai quali è possibile riciclarli, evitando di buttarli via e limitando quindi lo spreco.

1. Il primo modo per riciclare lo yogurt scaduto è quello di usarlo per sbancare i denti.

Lo yogurt, infatti, è ricco di calcio ed è per questo che è un ottimo rimedio naturale per rendere più bianco lo smalto dei denti; sarà sufficiente sfregarlo delicatamente sui denti una o più volte al giorno.

2.Lo yogurt può essere usato anche per lenire il dolore o il prurito causato dalle scottature o da leggere dermatiti.

Se, ad esempio, vi siete scottati, con il sole piuttosto che con una diversa fonte di calore, e avete a casa dello yogurt scaduto spalmatelo sulla zona dolente e lasciatelo in posa per circa 20 minuti, poi risciacquate abbondantemente con acqua fresca.

3.Il terzo modo che vi proponiamo per riciclare lo yogurt è quello di utilizzarlo per lucidare gli oggetti in ottone.

Se volete provare, cospargete lo yogurt sugli oggetti in ottone, lasciatelo agire per almeno 30 minuti e poi rimuovetelo delicatamente con un panno asciutto.

4.Lo yogurt è un alimento perfetto per realizzare un peeling delicato per pelli impure e grasse.

Vi basterà unire in una ciotola un paio di cucchiai di yogurt con un paio di cucchiaini di zucchero e mescolare sino ad ottenere un composto uniforme; stendete, poi, il composto sul viso e massaggiate con delicatezza per un paio di minuti, infine risciacquate con acqua tiepida.

5.Infine, possiamo riutilizzare uno yogurt scaduto per farne un impacco idratante.

Si tratta, infatti, di un alimento molto idratante e illuminante in grado anche di ridurre le occhiaie e di combattere acne e brufoli; mescolatene 5 cucchiai con un cucchiaio di miele e stendetelo sul viso, lasciate agire per circa 10 minuti e risciacquate abbondantemente con acqua fresca.

You might also like

SLIDEBAR

Inquinamento atmosferico e falsi miti: 5 verità sull’aria che respiriamo

L’aria che respiriamo è inquinata, moltissimi disturbi e malattie vengono aggravate se non causate dal forte inquinamento atmosferico che caratterizza la nostra epoca; questo è ciò che sappiamo, ciò che sentiamo continuamente dire e che leggiamo sovente un po’ ovunque, ma cosa conosciamo davvero della reale situazione e delle reali condizione dell’aria? Sfatiamo qualche mito e cerchiamo di comprendere alcune verità essenziali.

Ambiente

Car sharing: la vera alternativa all’auto di proprietà

Possedere un auto di proprietà, cosa che sembra essere irrinunciabile specialmente nel nostro Paese, significa spendere importanti cifre di denaro, non solo per l’acquisto del veicolo, cui la maggior parte delle persone fa fronte attraverso finanziamenti tutt’altro che vantaggiosi, ma anche per la sua manutenzione,  nonché per il pagamento della tessa di proprietà e dell’assicurazione. In questo quadro acquista sempre maggior consenso il cosiddetto “car sharing”; scopriamo di cosa si tratta nello specifico e quanto convenga come sostituto dell’auto di proprietà.

Risparmio Energetico

La mobilità sostenibile e le innovazioni che hanno segnato il 2015

L’auto solare che non si ferma, il primo traghetto elettrico al mondo, la bici a idrogeno con autonomia di 100 km… sono solo alcune delle grandi novità che hanno segnato il settore della mobilità sostenibile nel corso dell’anno appena passato. Ecco le cinque più innovative.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply