5 alimenti che contrastano il senso di stanchezza tipico della primavera

5 alimenti che contrastano il senso di stanchezza tipico della primavera

In questo periodo dell’anno sono davvero molte le persone che accusano sintomi quali senso di affaticamento e stanchezza; è, infatti, proprio con l’arrivo della primavera, complice il cambiamento dell’ora legale, che molti di noi si sentono più stanchi del solito.

Per affrontare questo genere di stress è importante riposare bene e, soprattutto, assumere le giuste dosi di vitamine, sali minerali e nutrienti al fine di aiutare il nostro organismo ad evitare pericolose carenze che possono peggiorare ulteriormente il senso di stanchezza tipico della stagione primaverile.

Scopriamo, allora, 5 alimenti che possono venirci in aiuto e grazie ai quali potremmo sentirci più carichi e goderci al meglio i primi caldi.

1.Il primo alimento della lista è un ortaggio: lo spinacio.

Dato che i cali di energia possono essere espressione di una carenza di ferro, gli spinaci, così come i legumi, che sono alimenti ricchi di questo prezioso elemento, possono aiutarci a ritrovare vigore e tono muscolare.

Gli spinaci contengono, inoltre, potassio, magnesio e vitamine del gruppo B, preziosissime per la riserva di energia del nostro organismo.

Un basso livello di ferro può causare sia stanchezza fisica che mentale, nonché difficoltà di concentrazione e insonnia; il ferro è un elemento di fondamentale importanza che veicola il trasporto di ossigeno alle cellule affinché queste possano costantemente produrre l’energia di cui necessitano gli organi di cui fanno parte.

Così come il ferro, anche il magnesio è indispensabile alla produzione di energia nel nostro organismo, oltre che al al mantenimento del tono muscolare e alla regolazione dell’apparato digerente e del sistema nervoso.

Per favorire l’assorbimento del ferro è consigliato consumare gli spinaci in accostamento ad alimenti o bevande ricche di vitamina C; al contempo è necessario evitare di accostare a queste verdure i latticini che, a causa dell’alto contenuto d calcio, inibiscono l’assorbimento del ferro.

2.Anche i cereali, e in particolare l’avena, sono molto utili in questo periodo e sono in grado di contribuire ad aumentare le nostre riserve di energia.

L’avena aiuta il buon funzionamento dell’apparato digerente, che è di grande importanza per evitare l’indebolimento del nostro sistema immunitario attraverso il mantenendo dei giusti livelli di zucchero nel sangue e l’espulsione delle tossine.

Questo cereale è ricco di fibre, magnesio e fosforo, elementi essenziali per contrastare il senso di stanchezza primaverile.

3.Com’è noto la frutta secca e i semi oleosi, quali i semi di girasole, di lino e di zucca, sono alimenti che assicurano un apporto di proteine di qualità, nonché di preziosi acidi grassi omega-3 che contribuiscono a combattere la stanchezza fornendo scorte di energia per periodi prolungati, evitando così improvvise carenze.

In funzione delle varietà, sia la frutta secca che i semi oleosi sono indicati in una dieta salutare e priva di grassi saturi; questi alimenti sono ricchi di ferro, manganese, magnesio, fosforo, rame e vitamine del gruppo B.

Le nocciole e i semi di sesamo, ad esempio, sono tra le principali fonti di triptofano, elemento fondamentale per contrastare il senso di spossatezza.

4.Lo yogurt, grazie ai fermenti di cui è composto, è in grado di contribuire al mantenimento dell’equilibrio della flora intestinale, la quale aiuta l’organismo nell’eliminazione dei batteri “cattivi” nonché di pericolosi agenti patogeni.

Un recente studio, condotto presso l’università di Toronto, ha dimostrato che i probiotici dello yogurt rappresentano una delle migliori armi per contrastare la tanto temuta “Sindrome da stanchezza cronica”; questi elementi contribuiscono, inoltre, ad aumentare i livelli di  triptofano che, in quanto precursore della serotonina, è in grado di favorire il benessere e una generale sensazione di rilassatezza.

5. Infine i legumi, una categoria di alimenti davvero preziosi in grado di apportare una costante fonte di energia al nostro organismo.

I legumi, privi di grassi saturi, sono salutari e perfetti per mantenere un regime alimentare equilibrato e dietetico; essi contengono un perfetto rapporto di carboidrati e proteine e sono ricchi di magnesio, ferro, potassio e fosforo.

You might also like

SLIDEBAR

Riciclo creativo: 5 modi per riciclare i flaconi dei detersivi

Tra i moltissimi contenitori che tutti noi abbiamo in casa e che una volta svuotati finiscono nella spazzatura, andando così ad aggiungersi alle tonnellate di rifiuti che dovranno entrare nel già saturo sistema di smaltimento, i flaconi dei detersivi sono tra i più comuni e spesso presenti in grandi quantità. Trovare un modo per riutilizzarli significa sgravare i lunghi e costosi processi di smaltimento, con i conseguenti vantaggi in termini di risparmio di denaro, energia e risorse pubbliche. Scopriamo come riciclare i contenitori dei detersivi.

Lifestyle

Quando natura e street art vanno a braccetto

Graffiti, murales e street art sono entrati oramai nel gergo quotidiano di ognuno di noi. Purtroppo, troppo spesso, rievocano nell’immaginario collettivo scarabocchio scritte che deturpano facciate, muri, case, palazzi e monumenti delle nostre città. Ma c’è chi ha ben pensato di integrare la propria vena creativa con la natura che ci circonda attraverso immagini o scritte che, sfruttando alberi, cespugli o anche ciuffi d’erba, abbelliscono i nostri centri urbani. Qui di seguito alcuni degli esempi più riusciti di integrazione tra street art e natura.

Lifestyle

Come trasformare una vecchia sedia in una cuccia modaiola per i nostri amici a quattro zampe

Assumere un comportamento ecologico significa rispettare l’ambiente, salvaguardando il più possibile la natura e, al contempo, aiutando i processi di smaltimento con atteggiamenti responsabili e coscienziosi. Una delle modalità con cui possiamo concretamente aiutare l’ecosistema è il riciclo di tutti quegli oggetti e materiali che altrimenti finirebbero nella spazzatura. Riciclare vuol dire reinventare, dare una nuova vita a qualcosa di inutilizzato; scopriamo come trasformare una vecchia sedia in un’accattivante “letto per cani”.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply