19 agosto, overshoot day: quando il mondo entra in deficit ecologico

 

 earth_from_space

Il 19 agosto 2014 è stato quello che il Global Footprint Network, il centro di ricerca che si occupa di studiare l’impatto dell’uomo sulla Terra, ha battezzato l’Overshoot Day, ossia il giorno che segna il superamento del consumo delle risorse energetiche a disposizione.

Questo vuol dire che da due giorni abbiamo iniziato ad indebitarci, e a sottrarre beni e risorse al futuro, in quanto il pianeta non è più in grado di rigenerare quello che abbiamo consumato. Parliamo di suolo fertile, di piante, di aria pulita e di piante. Parliamo di un consumo smodato delle risorse che abbiamo ricevuto in eredità dal nostro percorso evolutivo, durato più di 3 miliardi di anni. Soprattutto se pensiamo che abbiamo “fatto fuori” in soli otto mesi e mezzo le risorse che, con un consumo più oculato, sarebbero dovute bastarci un anno.

Solo nel 1962, poco più di cinquant’anni fa, l’uomo utilizzava poco meno di tre quarti della capacità del nostro pianeta di rigenerare alimenti, legno, fibre, risorse ittiche e di “digerire” le sostanze inquinanti. Negli anni Settanta abbiamo superato il limite, e da allora è stato un trend in crescita.

Più dell’85% della popolazione mondiale oggi vive in paesi che consumano più di quanto i loro ecosistemi siano in grado di rigenerare e di produrre, e per quel che riguarda il nostro paese, in Italia consumiamo più di 4 volte quello che il territorio riesce a fornire.

Questo vuol dire che, sempre secondo gli esperti del Global Footprint Network, avremmo bisogno più o meno di una Terra e mezza per sostenere il nostro consumo di risorse.

La soluzione? Da una parte servirebbe un’evoluzione tecnologica, dall’altra di un’evoluzione nello stile di vita delle persone, a cominciare dalle aziende, che dovrebbero fare in modo che chi acquista i loro prodotti inquini sempre di meno. Sogno, utopia, o la necessaria realtà a cui andremo incontro tra qualche anno?

You might also like

News

Veicoli a idrogeno: 8,5 milioni circoleranno sulle strade italiane entro il 2050

Uno degli obiettivi principali che ci si pone a livello ambientale per la tutela dell’ecosistema è quello di introdurre l’utilizzo di combustibili alternativi, in modo tale da poter sostituire il tanto nocivo ed odiato petrolio. Sembra che entro il 2050 ben 8,5 milioni di veicoli funzioneranno ad idrogeno; un risultato possibile grazie alla collaborazione tra pubblico e privato.

SLIDEBAR

Surriscaldamento globale: l’opinione del neoeletto Presidente USA Donald Trump

Nell’ambito della salvaguardia dell’ambiente, uno dei temi più discussi e sentiti degli ultimi anni, se non il principale, è sicuramente quello relativo ai danni causati all’interno ecosistema dai cambiamenti climatici, ovvero dal cosiddetto surriscaldamento globale. Questa situazione, come le molte altre di interesse mondiale, tocca ora anche il neoeletto Presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump, il quale adesso dovrà fare i conti con la scienza; scopriamo il suo punto di vista sulla questione.

News

Plastica, inquinamento e sicurezza: cosa indica il numero stampato su bottiglie e altri contenitori?

Come abbiamo sottolineato più volte, la plastica è uno dei materiali più comuni, oggi utilizzata per moltissimi scopi e spesso anche in maniera incontrollata ed inutile; la plastica è altamente inquinante e contamina l’ambiente in ogni angolo, dalle acque al terreno all’atmosfera. Se pensate di sapere tutto ciò che c’è da sapere in merito a questo materiale, forse vi sbagliate; sapete, ad esempio, cosa significa quel numero che troviamo su bottiglie e altri contenitori di plastica? Scopriamolo e vediamo perché è così importante conoscere il suo significato.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply