15 bellissimi siti sommersi da vedere almeno una volta nella vita

15 bellissimi siti sommersi da vedere almeno una volta nella vita

Quando l’archeologia è in fondo al mare

Scoprire che in fondo al mare si nascondono siti archeologici di rara bellezza, è un’esperienza straordinaria e poterli vedere con i propri occhi è un’esperienza magica e unica. Ed è proprio quello che si dovrebbe fare con questi bellissimi siti archeologici, rigorosamente situati nel blu profondo del mare e sparsi per il mondo. Ecco quali sono.

Musa – Cancun, Messico: il museo sott’acqua

Non tutti gli appassionati di musei possono dire di averli visti proprio tutti. Questo, per esempio, il museo sott’acqua, lo avete visitato? Si trova in Messico, a Cancun ed è un museo subacqueo che ospita le sculture dell’artista Jason DeCaires Taylor. Le statue sono state collocate a ridosso del fondale marino con l’obiettivo di popolare quella zona del mare dopo che numerosi uragani hanno distrutto con il tempo la barriera corallina.

Pozzo di Giacobbe – Wimberly, Texas

Conosciuto in tutto il mondo come uno dei luoghi più pericolosi per fare un’immersione, il pozzo di Giacobbe attira molti turisti, che soprattutto in estate si recano in Texas desiderosi di cimentarsi con il brivido del tuffo e dell’immersione. Sono previsti tre percorsi, che potete sperimentare ovviamente solo se siete esperti sub.

Neptune Memorial Reef — Key Biscayne, Florida

Forse è uno dei più inquietanti di tutti questi siti sommersi, ma certamente è molto famoso e conosciuto in tutto il mondo per l’idea stravagante che ne sta alla base. Si tratta di un vero e proprio cimitero, con tanto di strade, archi e mausolei  e si ispira alla città perduta di Atlantide.

Il lago verde — Tragoess, Austria

Ogni anno, a seguito dello scioglimento dei ghiacciai, purtroppo, si forma in Austria un insolito lago verde, che diventa un vero e proprio parco sommerso dall’acqua. Le acque, risultato dello scioglimento, riempiono questa conca che, per via della vegetazione presente in quel punto, rende l’acqua di colore verde.

Cascata subacquea — isola di Mauritius

Sulla costa di Mauritius la natura permette di godere di uno spettacolo decisamente strabiliante e frutto di un’illusione ottica.  La sabbia che cade a ridosso della costa e verso il profondo del mare crea delle bellissime cascate subacquee.

Un’immersione con le balene – Tonga

Se visitate le isole Tonga, nell’Oceano Pacifico, non potete perdervi uno dei pochissimi luoghi al mondo in cui è possibile nuotare con le balene, in totale sicurezza e ovviamente con l’aiuto di guide esperte.

La finestra azzurra – Isola di Gozo

L’isola di Gozo custodisce un tesoro di rara bellezza. La chiamano la finestra azzurra ed è un arco di pietra scavato, come se fosse una finestra appunto, che offre una vista mozzafiato e un panorama incantevole.

Weeki Wachee Springs: il parco acquatico per vedere le sirene

Dal 1947, in Florida, è possibile assistere a uno straordinario spettacolo che ha come protagoniste 12 sirene. Si tratta di un parco acquatico, fondato da un ex militare della marina, in cui è possibile assistere a uno spettacolo messo a punto da un gruppo di ragazze che, munite di brevetto da sub, impersonano le sirene del mare.

Cenote Angelita – Tulum, Messico

Se volete ammirare qualcosa di davvero fuori dal comune, come un fiume che scorre sott’acqua, nel mare, sì, avete capito bene, prenotate l’aereo e andate in Messico. Lo potete ammirare a Tulum ed è il frutto di uno strato di solfato di idrogeno che separa l’acqua dolce da quella salata creando questo straordinario flusso.

Hotel subacqueo – Zanzibar

A Zanzibar si trova invece un insolito albergo in cui è possibile affittare una camera subacquea, con vista coralli e pesci coloratissimi. Di certo non sarà un soggiorno economico, ma almeno in fatto di originalità non vi sarete fatti mancare nulla.

Homestead Crater – Utah

Nello Utah si può fare snorkeling in un cratere d’acqua dolce. Ebbene sì, proprio in un cratere scavato da venti metri di roccia calcarea. All’interno si accede attraverso un apposito tunnel ed è l’unico posto degli Stati Uniti in cui è possibile effettuare immersioni non marine.

Subsix Bar – Maldive

È il primo sottomarino bar&club, ben sei metri sotto la superficie del mare, si trova alle Maldive e al suo interno potete sorseggiare un cocktail con vista pesci e vegetazione marina.

Cristo degli abissi – Key Largo, in Florida

Ispirata a quella che nel 1954 è stata posta sul fondale della Baia di San Fruttuoso, tra Camogli e Portofino, questa statua in bronzo ne è la copia esatta e per ammirarla dovrete andare in Florida.

Hotel Atlantis – Palm, Dubai

A Dubai, la patria del lusso, c’è un albergo composto da due torri collegate a un ponte. Soggiornando al suo interno potrete godere di una vera e propria vacanza sottomarina, al di sotto del mare, proprio come se vi trovaste in un acquario.

Il grande buco blu – Belize

Secondo gli studiosi è il più grande in tutto il mondo ed è una delle mete più ambite per subacquei ed esploratori. Si trova lungo la costa del Belize ed è una fossa perfettamente circolare di grande fascino e dalla vista spettacolare.

You might also like

News

Inquinamento ambientale: ecco come i rifiuti abbandonati minacciano la sopravvivenza degli animali selvatici

Gli effetti dell’inquinamento ambientale sulla fauna del Pianeta sono sempre più evidenti e terribili; la natura è in serio pericolo e gli scatti realizzati da Chris Packham, naturalista e presentatore televisivo britannico, ne sono una prova schiacciante nonché scioccante, e dovrebbero farci riflettere sulle nostre errate abitudini.

News

Nespresso: disastro ecologico in capsula

Uno dei prodotti più pubblicizzati ad avere conquistato il mercato globale in pochissimo tempo, oggi conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo, sembra essere anche il “colpevole” di un disastro ambientale; stiamo parlando della Nespresso, o meglio delle sue comode, colorate ed invianti cialde, con cui ogni giorno vengono preparati decine di milioni di caffè.

SLIDEBAR

Berlino: frutta e verdura dell’orto direttamente nei supermercati

Quante volte dopo aver acquistato frutta e verdura al supermercato ci rendiamo conto, consumandola, che il suo sapore, piuttosto che la consistenza o la durata, è davvero pessima? Purtroppo la coltivazione massiccia, quella destinata a produrre enormi quantità a basso costo, troppo spesso porta sulle nostre tavole prodotti di scarsa qualità, e in alcuni casi anche nocivi per la salute. Ecco la soluzione proposta, e già sperimentata, da alcuni giovani di Berlino.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply